133000 i casi previsti di persone infettate dal virus HIV nel 2022 nelle Filippine

Listen to this article

Il numero totale di persone infettate dal virus HIV potrebbe salire a 133000 nei prossimi sette anni se non si riesce a rallentare la tendenza attuale. A dirlo è il ministro della salute filippina, Janette Garin.

persone infettate dal virus HIV

“Se non rallentiamo la nostra epidemia di HIV, se non investiamo nella prevenzione, il numero di persone che convivono con HIV raggiungerà i 133000 per il 2022”.

Dal 2010 al 2015 sono state registrate oltre 20 mila nuove infezioni, mentre il registro delle infezioni mostra che a ottobre di quest’anno ci sono 29079 infezioni totali, mentre nel 2001, anno del lancio degli obiettivi di sviluppo del millennio c’erano solo 174 infezioni.

Negli obiettivi si indicano la proporzione di persone tra 15 e 24 anni con una conoscenza dell’HIV e AIDS, la riduzione della prevalenza del HIV in quel segmento di popolazione e il maggior uso di preservativi nelle popolazioni ad alto rischio.

80% delle infezioni è attribuito al sesso tra maschi, mentre l’uso dei preservativi si stima attorno al 40% quando l’obiettivo è del 80% per poter contrastare la diffusione del HIV.

“I nuovi casi tra maschi e donne transgender che fanno sesso con maschi è cresciuto 12 volte negli ultimi cinque anni” ha detto Genesis Samonte del ministero.

Ci sono otto città che hanno superato la soglia del 5% di prevalenza di HIV, che l’ONU dichiara come zona ad epidemia concentrata, tra uomini e donne transgender che fanno sesso anale.

Esse sono Cebu col 14%, Cagayan De Oro col 9.3%, Puerto Princesa con 7.7%, Quezon City con 7.4%, Mandaue col 6.5%, Paranaque 5.9%, Davao con 5.5%, Makati col 5.2%.

Samonte spiega: “il tasso di prevalenza del 5% è come un’indicazione che si è raggiunta una massa critica di persone che può infettare gli altri e diffondere l’epidemia più velocemente. Un declino delle nuove infezioni di HIV può essere raggiunto solo con un uso del preservativo che deve raggiungere almeno il 60%.

L’epidemia di HIV a Cebu è stata attribuita invece alla condivisione di siringhe di droga e si stima che una su due di persone che si iniettano droga, PWID, ha l’HIV. Il ministero stima che il 99% dei 1289 PWID con HIV sono stati diagnosticati negli ultimi cinque anni. Oltre 1000 dei PWID con HIV sono maschi e solo il 9% partecipa a programmi di trattamento con antiretrovirali.

Il numero di PWID infettati è piccolo ma apre la strada a nuove infezioni o a trasmissione del virus verso persone non ad alto rischio come donne in gravidanza. “La maggioranza di PWID, persone che si iniettano la droga, sono maschi e il 65% di loro ha partner femminili che possono avere figli e passare l’HIV al figlio”

Il ministero della salute filippino ha anche sostenuto che è in atto un cambio del profilo demografico di chi vive con HIV con tassi di sviluppo enormi nel gruppo di giovani.

Tra i 15 e 24 anni il tasso di infezioni è cresciuto del 780%. Ironicamente gli interventi per intervenire tra i giovani sono ostacolati da una legge posta in essere nel 1998 per prevenire la diffusione del HIV.

La legge sulla prevenzione del HIV e dell’AIDS vieta che si faccia un test su minori senza il permesso dei genitori, mentre l’altra legge sulla salute riproduttiva pone limiti alla diffusione dei preservativi sempre ai minori. “Riconosciamo questi limiti e cerchiamo i modi per emendare questa legge” ha detto il ministro Garin.

Ilministero ha dato una somma per l’acquisto e diffusioni di preservativi e lubrificanti e sta individuando le aree dove fare iniziative di distribuzione dei preservativi e programmi di sensibilizzazione.

“Dobbiamo essere specifici nei luoghi e nella popolazione per poter massimizzare le risorse. Ma allo stesso tempo dobbiamo identificare chi è stato invece trascurato” ha detto Teresita Marie Bagasao dell’UNAIDS.

Se le Filippine dovessero raggiungere la cifra di 133000 infetti di HV, il costo per il sistema sanitario del PHILHEALTH sarebbe di 4 miliardi di peso all’anno, circa 80 milioni di euro, in una prospettiva comunque di crescita vista la tendenza crescente delle infezioni. Al momento il budget del ministero per i programmi di intervento su HIV e AIDS è di 500 milioni.

Ana Santos, GMA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ottimizzato da Optimole