Diga sul torrente Swar in Birmania allaga 85 villaggi

Dopo il crollo della diga in Laos del mese scorso, un altro disastro è accaduto su una diga nella Birmania centrale sul torrente Swar, dove è stata distrutta una condotta della diga.

Sono stati allagati 85 villaggi dall’acqua che ha raggiunto le città di Swar e Yedashe ed oltre 60 mila persone sono state costrette ad abbandonare le loro case.Due persone sono state date per scomparse.

Una parte dell’autostrada è stata sommersa dalle acque ed è stato interrotto il traffico verso Yangoon, Mandalay e la capitale NayPyidaw per i danni causati al ponte.
Mentre comincia a recedere il livello delle acque si cerca di capire cosa sia successo questa diga che ha scopi di irrigazione e che dovrà essere riparta quanto prima per permettere di tenere acqua per l’arrivo della stagione secca.

“Sono sprofondate di alcuni metri le mura della condotta che hanno causato poi l’allagamento, ma la diga principale è intatta” ha detto un rappresentante del ministero dell’agricoltura Kaung Myat Thein.

Prima del crollo delle pareti della condotta era stata appurata la solidità della diga dai tecnici nonostante le paure dei cittadini sul possibile riversamento di acqua.

Secondo Kaung Myat Thein la diga è sempre stata ben ispezionata e non era prevedibile quello sprofondamento delle pareti della condotta.

Con l’acqua che recede si cominciano a valutare i danni specialmente sul riso dal momento che questa inondazione ha distrutto le risaie presenti per cui ci vorrà qualche anno per rirpristinare la produzione di riso.

Chi è riuscito a mettersi al riparo su terreni pù in alto al riparo dell’acqua ha comunque perso la casa e molto spesso gli animali ed attendono il risarcimento ed altre misure compensative dal governo regionale.

“Tutti i miei campi sono diventati fango ora. Non ho terra o altro ora. Non so che fare” dice un giovane che è riuscito a scappare all’inondazione con la famiglia e gli animali.
E’ un altro disastro che pone di nuovo l’attenzione sulle dighe e la loro diffusione nella regione, dopo il tragico caso della diga della provincia di Attapeu in Laos

REUTERS

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.