Opinione pubblica filippina e assertività marittima cinese nelle Spratly e Benham Rise

Nella crescente incertezza sulla capacità di guida degli USA in Asia, la Cina rafforza la propria offensiva seducente in tutto il sudestasiatico.

Con la presidenza di turno del ASEAN a Singapore, Pechino approfondisce rapidamente le proprie relazioni tra organismi militari con i vicini più piccoli.

Durante il Meeting Plus dei ministri della difesa del ASEAN, Cina e paesi della regione si sono accordati su varie iniziative per solidificare i loro legami sempre più forti.

Durante questo anno le parti hanno deciso di tenere le loro prime esercitazioni navali congiunte mostrando legami sempre più forti come anche la crescita della Cina come una forza eccezionale nella regione.

Hanno anche riaffermato l’importanza di creare varie misure di costruzione della fiducia come il codice proposto per incontri non previsti in aria ed in mare. Le parti in questo modo sperano di evitare scontri accidentali ed altre forme di incomprensione in punti di scontro in mare come appunto nel mare cinese meridionale.

Il ministro della difesa cinese Chang Wanquan, che rappresentava la Cina nell’incontro, ha riaffermato la profonda amicizia del proprio paese verso ASEAN.

Chang Wanquan ha passato cinque giorni a Singapore dove ha incontrato anche il primo ministro Lee Hsien Loong per una serie di incontri mirati ad assicurare che i legami siano equilibrati

Cina e Singapore negli ultimi anni sono stati ai ferri corto per le ottime relazioni di Singapore con Taiwan e USA, Taiwan che per Pechino è la rinnegata provincia cinese. Singapore ha stressato le proprie relazioni con la Cina per aver sottolineato molto l’aderenza alla legge internazionale, compreso l’arbitrato fondamentale vinto dalle Filippine che contesta le richieste cinesi nel Mare Cinese meridionale.

Eppure le relazioni sono migliorante improvvisamente negli ultimi mesi.

Singapore detiene un ruolo particolarmente importante nei legami di Pechino con i vicini meridionali poiché la città stato è il presidente di turno del ASEAN oltre a paese coordinatore per le relazioni ASEAN Cina.

Il ministro degli esteri di Singapore Ng Eng Hen, che ha coprieseduto l’incontro dei ministri degli esteri con la Cina, ha definito la controparte cinese un amico molto buono e solido del ASEAN, sottolineando come il capo della difesa cinese abbia “fatto moltissimo personalmente per promuovere le nostre relazioni di difesa bilaterale tra Cina e ASEAN”.

Eppure le dispute in mare continuano ad essere una fonte di tensioni tra Cina e alcuni suoi vicini, il Vietnam in particolare.

Durante l’incontro dei ministri degli esteri del ASEAN, tenutosi nella stessa settimana a Singapore, i diplomatici della regione hanno posto le proprie preoccupazioni per le dispute nel Mare Cinese Meridionale.

Secondo il ministro degli esteri di Singapore, Vivian Banakhrishnan ASEAN ha preso nota £delle preoccupazioni espresse da alcuni ministri sui lavori di reclamo di suolo e le attività nell’area, che hanno eroso fiducia confidenza, hanno accresciuto le tensioni e potrebbero minare la pace, la sicurezza e la stabilità nella regione”.

Le preoccupazioni degli stati regionali sono state sulla presunta militarizzazione cinese delle caratteristiche di terra reclamate nel Mare Cinese Meridionale.

Secondo varie fonti, Pechino ha reclamato lo scorso anno 290 mila metri quadri nella catena contesa delle Spratly e dintorni compreso le caratteristiche di terra reclamate da paesi come le Filippine.

L’impronta strategica di espansione cinese nell’area presenta nuove sfide ai fiorenti legami con paesi come le Filippine che, con il presidente Duterte, hanno cercato legami migliori con la potenza asiatica.

In risposta alla pressione della opinione pubblica filippina crescente a prendere una posizione più ferma sulla assertività marittima cinese, il presidente filippino ha imposto nuove restrizioni alla ricerca scientifica marittima cinese e di altri paesi a Benham Rise, che giace nel Pacifico Occidentale ed è parte della piattaforma estesa continentale delle Filippine.

La Cina ha cercato permessi di ricerca scientifica nell’area strategica, ricca di risorse minerarie del fondo marino come anche di pesca. Eppure elementi dentro il governo filippino e della società civile si sono pesantemente opposti a dare alla Cina un permesso di accesso.

Il ministro della difesa filippino Lorenzana, che posto le preoccupazioni sulle intenzioni cinesi a Benham Rise, ha anche confermato a chi scrive che il suo governo andrà avanti con il miglioramento delle sue istallazioni civili e militari nell’isola di Thitu.

La cosa forse provocherà critiche forti e, forse, persino contromisure armate da parte della Cina che reclama anche quella caratteristica di mare occupata dalle Filippine, la seconda maggiore nella catene delle isole delle Spratly.

Ci sono anche forti voci, da parte dei falchi cinesi specialmente, perché le Filippine rafforzano la cooperazione di sicurezza in mare con USA, Giappone, Australia ed India, che provano a contrastare le ambizioni cinesi in mare.

Duterte sembra legato a creare forti legami con la Cina ma il potere della difesa filippina rafforza la posizione del paese sia ad oriente a Benham Rise che ad occidente nel mare cinese meridionale.

Cionondimeno la Cina manterrà la sua superiorità strategica nell’area grazie soprattutto alla sua vasta superiorità militare oltre che alla sua intelligenza diplomatica. Ci si attende che ASEAN sottolinei il dialogo sul confronto.

Come ha detto il ministro degli esteri di Singapore, la situazione nel mare cinese meridionale è più calma ora e c’è “una buona fede condivisa da entrambe le parti a fare questo anno un passo in avanti significativo”.

Pronti a finire nelle buone grazie di Pechino, che ha offerto incentivi economici forti alle nazioni amiche, i paesi del Sudestasiatico sembrano considerare la diplomazia piuttosto che la resistenza strategica il modo migliore di trattare con la nuova superpotenza regionale.

Richard Heydarian, South China Morning Post

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.