Ma Ba Tha e le elezioni birmane prossime

wirathu

Un potente gruppo ultranazionalista buddista aiuta il partito di governo birmano a conquistare voti nella prossima elezione di domenica dopo che il governo ha approvato leggi considerate antimusulmane. Lo ha dichiarato il cofondatore del gruppo alla Reuters.

Il gruppo nazionalista buddista, conosciuto per le iniziali in birmano come Ma Ba Tha, non deve eleggere alcun candidato perché i monaci nn possono presentarsi come candidati. Eppure è stato molto presente nella campagna elettorale e potrebbe aiutare a dare forma al primo governo eletto della Birmania in oltre mezzo secolo.

Il cofondatore di Ma Ba Tha, Parmaukkha, per la prima volta ha fatto conoscer alcuni dettagli sulla discussione a porte chiuse tra il gruppo ed il governo per l’approvazione delle leggi.

Le leggi richiedono ai cittadini di chiedere l’approvazione del governo per convertirsi ad una religione differente, costringe alcune donne ad avere figli a distanza di almeno tre anni e fissa le pene per avere più di una sposa. Una stragrande maggioranza dei birmani è buddista.

Le nuove leggi sono una discriminazione contro le donne ed i musulmani e potrebbero accrescere le tensioni religiose dicono i gruppi dei diritti umani.

Il partito al governo USDP ha usato la sua maggioranza parlamentare per far approvare leggi credendo che “Ma Ba Tha li aiuterebbe a ottenere voti nelle elezioni” dice Parmaukkha. Sanno che siamo una forte organizzazione”.

Tha Win, legislatore del USDP a Rangoon nega legami con Ma Ba Tha. “Facciamo solo politica. Le regole non permettono di portare avanti questioni religiose”

La descrizione di Parmaukkha del ruolo del Ma Ba Tha è stato anche messo in dubbio dal portavce del gruppo, Thurain Se, che dice che la sua organizzazione è grata al USDP per l’aiuto nell’approvare le leggi ma non sostiene alcun partito.

“Avvamo bisogno delle nostre quattro leggi religiose. A chi potevamo chiedere? A questo governo. E’ un processo molto normale” dice Thurain Soe attraverso un traduttore. “Ringraziamo il presidente e il parlamento. E’ solo un grazie, non il sostegno al USDP”

L’elezione generale è la prima da quando un governo semicivile ha sostituito la giunta militare nel 2011, ed è considerato come un referendum sul processo i riforma birmano.

L’influenza del Ma Ba Tha nella birmania a maggioranza buddista potrebbe rivelarsi fondamentale nella campagna elettorale specialmente nelle aree rurali dove l’autorità monastica non trova altre voci, dicono alcuni analisti.

La sua influenza potrebbe togliere voti al NLD di Aung San Suu Kyi per negare al partito di opposizione una maggioranza parlamentare totale e salvare USDP, creato dai potenti militari e presieduto da Thein Sein, da una imbarazzante sconfitta elettorale.

Temendo l’intimidazione potenziale di Ma Ba Tha NLD ha deciso di non candidare candidati musulmani, secondo due membri del NLD. Negli ultimi anni la violenza religiosa ha ucciso centinaia di persone per lo più musulmane.

Ma Ba Tha, che in inglese è conosciuta come Comitato per la protezione della Nazionalità e della religione, è cresciuta e superato il movimento 969, anch’esso guidato da monaci, che chiedevano un divieto di matrimoni tra fedeli di religione diverse diverse e il boicottaggio delle imprese musulmane.

Ma Ba Tha cominciò a cooperare col governo e USDP in vari incontri sulla razza e la religione nel 2014 e 2015 secondo Parmaukkha. Un incontro del maggio 2014 a Naypyidaw vede la partecipazione di alcuni ministri oltre che di consiglieri presidenziali.

Altri tre monaci influenti del Ma Ba Tha hanno confermato di aver partecipato all’incontro di maggio per discutere le leggi con il gruppo governativo. Questo incontro è rimasto segreto finora.

In un altro incontro del marzo 2015, secondo Parmaukkha, un rappresentante del USDP, che era anche direttore generale in un ministero, assicurò il Ma Ba Tha che il governo avrebbe approvato le leggi della razza e della religione. Ma Parmaukkha non cita chi sia questa persona né è stato possibile verificare quanto successo mediante altra via.

Questo è accaduto appena dopo qualche settimana che un’indagine interna al USDP aveva detto che NLD avrebbe annicilito l’USDP alle elezioni.

Due mesi dopo Thein Sein firmò la prima delle quattro leggi, mentre le altre tre furono ufficialmente emanate tre settimane prima della campagna elettorale.

Il portavoce del MA Ba Tha Thurain Soe negò che il capo del suo gruppo avesse incontrato rappresentanti del governo per le leggi della religione nel 2014 e 2015.

Zaw Htay, rappresentante di rango dell’Ufficio della Presidenza, ha detto che fu la petizione iniziale guidata dai monaci a dare l’impeto iniziale alle leggi. La campagna ottenne oltre 2 milioni di firme che chiedevano di emanare leggi che proteggevano la razza e la religione, e l’ufficio della presidenza scrisse le eleggi in risposta a quella petizione.

“E’ dura tenere separati i monaci dalla politica in questo paese” ha detto Zaw Htay citando il ruolo dei monaci nella lotta per l’indipendenza dal colonialismo britannico come pure le proteste democratiche degli ultimi anni.

La guida del MA Pa Tha ha espresso sostegno aperto per USDP e sdegno per Suu Kyi. Uno dei monaci più importanti del MA Ba Tha, Wirathu, in una intervista ha sostenuto Thein Sein dicendo che la sua amministrazione “ha aperto le porte e lavorato fianco a fianco per la pace e lo sviluppo”. Di Aung San Suu Kyi e del NLD ha detto: “La gente del NLD è così piena di sé. Non hanno una grande possibilità di vincere le elezioni”.

Vimalabuddhi, un altro fondatore di Ma Ba Tha ha detto che dal momento che la maggioranza del USDP provenivano dal settore militare, comprendevano meglio la situazione del paese rispetto al NLD che erano politici e civili. “Essi non comprendono davvero la nostra situazione”.

Un capo anziano del NLD Win Htein ha parlato di queste critiche da parte del Ma Ba Tha:

“Secondo gli insegnamenti del Budda i monaci non dovrebbero coinvolgersi nella politica. Dovrebbero essere neutrali”.

Hanno preso di mira NLD perché non ha sostenuto le loro leggi sulla razza e la religione e perché è più simpatetico per i musulmani. “Ecco perché non abbiamo candidato alcun musulmano per paura di rendere antagonista Ma Ba Tha perdendo voti e mancando di vincere la maggioranza parlamentare” Ed ha aggiunto: “Ha causato un durissimo esame di coscienza”