Militante democratico Sirawith “Ja New” Seritiwat pestato a sangue a Bangkok

davide contro golia

Il militante democratico Sirawith “Ja New” Seritiwat è stato pestato a sangue venerdì mattina a Bangkok mentre usciva da casa per recarsi ad una manifestazione pubblica da lui stesso organizzata.

davide contro golia

Quattro mazzieri professionisti, dal volto coperto ed armati di bastoni di legno, gli hanno fratturato il naso ed il capo costringendo alla ospedalizzazione in una Unità di Cura Intensiva.

Dopo le prime indagini si è temuto che Sirawith Ja New avesse potuto perdere anche la vista per una frattura alle ossa del globo oculare.

Testimoni oculari hanno detto che i quattro mazzieri professionisti hanno mirato ripetutamente al capo colpendolo anche quando è caduto per terra. Sirawith Ja New è stato poi soccorso dai passanti.

Questo è il secondo attacco contro Ja New dopo uno subito il 2 giugno in una zona centrale di Bangkok che ebbe lo stesso andamento anche se fu meno cruento.

In questo caso l’intervento di passanti avevano scongiurato il peggio e Sirawith Ja New denunciò l’intento omicida dei mazzieri che avevano ripetutamente mirato al capo e alle tempie. Il pestaggio era avvenuto vicino un tribunale a Bangkok centro.

Ja New non è il primo ad essere pestato a sangue ed Ekachai Hongkawan è un altro bersaglio ripetutamente preso di mira su cui la polizia non vuole muovere un dito.

Proprio i ripetuti attacchi fanno pensare ad una cosa premeditata con il coinvolgimento di chi sta in alto.

Ja New Sirawith aveva annunciato il ritiro dalla politica militante per poter finire i suoi studi dopo aver vinto una borsa di studio in India in Scienze Politiche, cosa che per ora non potrà portare avanti per le sue condizioni critiche.

Mentre è chiaro e forte il silenzio dei parlamentari del governo di Prayuth, l’opposizione politica si è mossa per condannare questi pestaggi e per chiedere l’intervento veloce della polizia.

Il parlamentare di Future Forward Rangsiman Rome ha fatto sapere che perseguirà in parlamento affinché si abbiano spiegazioni su questo attacco ed ha rintracciato le immagini dell’attacco contro Ja New di telecamera di sicurezza attorno al luogo dell’attentato.

“Va sottolineato che questa è una operazione di professionisti. Sapevano che Sirawith Ja New sarebbe stato in quel punto”

Le immagini mostrano quattro uomini su due moto che seguono Sirawith dopo che esce di casa venerdì. Una moto si porta avanti e l’altra si ferma dietro di lui. Poi i quattro si affrettano a pestarlo con dei bastoni di legno. E’ stato un attacco di venti secondi prima che i quattro uomini mascherati si sono dati alla fuga.

Il giornalista della BBC Jonathan Head ha scritto su Twitter:

Questi attacchi sono così frequenti contro gli stessi attivisti antimilitaristi che pare una forma organizzata di terrore che le autorità, ad essere buoni, tollerano. E’ sconcertante.

“Stiamo assistendo ad un disegno” ha detto Sunai Phasuk di Human Rights Watch Thailandia. “Mostra che dopo le elezioni la Thailandia resta in un clima di paura ed il paese non è affatto su un percorso di ritorno verso il governo democratico”.

Sul piano istituzionale si apprende dal Bangkokpost

“Il ministro della difesa Prawit Wongsuwon ha dato istruzioni alla polizia di indagare sui responsabili dell’attacco a Ja New e di portare i colpevoli davanti alla giustizia. Secondo il portavoce della difesa Khongcheep Tantravanich, Prawit ha espresso grave preoccupazione ed ha invitato a dare maggiore protezione ai militanti politici e si è appellato ad evitare le provocazioni ed i discorsi di odio….

Il presidente della Camera Chuan Leekapi ha contattato il vice primo ministro Wissanu Krea-ngam per esprimere la propria preoccupazione sulla violenza politica.”

Nel suo editoriale Bangkokpost scrive:

L’incapacità dello stato a dare sicurezza a militanti come Sirawith ed altri come Ekachai Hongkangwan ha acceso una rabbia generale. I critici sono arrabbiato perché nonostante i ripetuti attacchi a questi attivisti che sono noti per la loro posizione contro la giunta, polizia e sicurezza non sono riusciti a prendere la maggioranza dei colpevoli. Ekachai ha subito una dozzina di attacchi ma solo uno è stato arrestato (e poi rilasciato su cauzione NdT)

I familiari delle vittime del golpe del maggio nero del 1992 chiedono alle autorità di portare davanti alla giustizia i colpevoli in una settimana, secondo il giornale TheNation.

“Se non si sa nulla in sette giorni non potete fermare le conseguenze. Non sto minacciando nulla” ha detto Adul Khiewboriboon, presidente dell’associazione degli Eroi del Maggio 1992.

Secondo Adul ad attaccare Sirawith sono stati giovani ufficiali dei militari per compiacersi con i propri superiori che non sarebbero né Apirat Kongsompong capo dell’esercito né dell’esercito stesso.

Adul ha aggiunto che loro sapranno chi era dietro questo attacco ed “il governo deve dare risposte pubbliche e provare a catturare i colpevoli.

Mentre alcuni parlamentari faranno interpellanze sull’accaduto, Thawee Sodsong del Partito Prachachart di opposizione chiederà al presidente della Camera Chuan Leekapi di istituire una commissione di accertamento dei fatti per indagare l’uso del potere da parte del governo in questi casi.

“Era sotto stretta osservazione da parte delle autorità tutto il giorno e quindi il fatto che sia stato attaccato due volte di recente fa sorgere i sospetti che possa essere coinvolto chi sta al potere.” ha detto Thawee, ex capo dell’amministrazione autonoma del profondo meridione.

Le condizioni di Ja New sembrano migliorare e non è più a rischio di perdere la vista ad un occhio.