Bali e isole Riau riaprono al turismo mondiale con 5 giorni di quarantena

Listen to this article

Bali e isole Riau riaprono al turismo internazionale ed il governo indonesiano ha tagliato i giorni di quarantena da 8 a soli 5 giorni.

La decisione annunciata dal Ministro del Mare e degli investimenti Luhut Binsar Pandjaitan vuole provare a rinvigorire l’industria turistica indonesiana dopo quasi due anni di fermo.

L’apertura riguarderà prima 19 paesi internazionali che sono Italia, Bahrain, Cina, Francia, Ungheria, Giappone, Kuwait, Liechtenstein, Nuova Zelanda, Polonia, Portogallo, Qatar, Arabia Saudita, Corea del Sud, Spagna, Svezia, Emirati Arabi Uniti e Norvegia.

Per i turisti che entreranno ci sono alcuni adempimenti da fare.

Il primo è di aver fatto il vaccino contro il Covid-19 almeno 14 giorni prima della partenza ed avere il certificato relativo in inglese all’arrivo.

Come secondo adempimento, è di avere il risultato negativo di un tampone molecolare nelle precedenti 72 ore all’arrivo.

In ultimo i turisti devono avere un visto breve o un altro altro permesso di entrata, un’assicurazione del valore da 100mila dollari USA e di avere una sistemazione mentre sta in Indonesia.

E’ previsto inoltre un test molecolare che è obbligatorio per tutti i passeggeri in arrivo.

Il ministro Pandjaitan nella conferenza stampa virtuale ha specificato che la lista dei 19 paesi si applica ai voli diretti a Bali e alle Isole Riau, mentre per gli altri paesi possono entrare in Indonesia via Giacarta o Manado seguendo però la quarantena e le indicazioni delle analisi.

“La quarantena è per cinque giorni e non si applica solo a Bali e isole Riau ma anche ad altri ingressi via aria, terra e mare. Si applica a tutti i viaggiatori”

Durante la quarantena a Bali e alle isole Riau, il cui costo non deve essere a carico del governo indonesiano, i turisti stranieri non possono lasciare le loro stanze, o case private oppure la nave fino alla fine della quarantena. Il quarto giorno della quarantena sarà fatto un analisi di test molecolare.

All’arrivo quindi i turisti devono mostrare la prenotazione della stanza.

La decisione di ridurre la quarantena a cinque giorni serve a permettere ad alcuni eventi mondiali di tenersi nel paese come il World Superbike a Mandalika, West Nusa Tenggara a Novembre.

Nel 2019 nei primi otto mesi l’aeroporto di Bali, I Gusti Ngurah Rai International Airport, vide l’arrivo di oltre 4 milioni di turisti, mentre fino ad agosto di quest’anno si sono registrati appena 35 stranieri.

Nel frattempo a Bali, che è la principale attrazione turistica dell’arcipelago, fervono i preparativi, secondo il vice governatore dell’isola Oka Artha Ardana Sukawati, di tutte le parti con 35 hotel per la quarantena pronti mentre ce ne sono altri 55 disponibili a diventarlo.

Il tasso di vaccinazione a Bali è estremamente alto con il 99% della popolazione con più di 12 anni che ha ricevuto la prima dose di vaccino e 82% ha ricevuto la seconda dose. E’ il tasso maggiore di vaccinati dopo Giacarta che è seguita dalle isole Riau con 87% di prime dosi e 62% di seconde dosi.

Secondo il vice governatore questo alto tasso di vaccinati unito all’applicazione dei protocolli sanitari anticovid permetteranno l’apertura di tutte le zone di Bali.

“Speriamo di poter fornire uno spazio maggiore per i turisti stranieri che hanno completato la loro quarantena di cinque giorni”

Ma nonostante questa apertura di Bali e isole Riau al turismo internazionale, l’isola famosa deve ancora ricevere prenotazione dai potenziali viaggiatori.

L’aeroporto di Bali secondo il presidente dell’agenzia turistica di Bali non ha ancora ricevuto alcun programma di voli di arrivo internazionali anche se ufficialmente l’aeroporto riapre il 14 ottobre.

E proprio oggi non si sono registrati arrivi internazionali come confermato da un manager dell’aeroporto Taufan Yudhistira:

“Fino ad oggi pomeriggio nessuna compagnia aerea ha proposto uno slot temporale. Forse le compagnie attendono i regolamenti per i voli internazionali dal ministero dei trasporti”, come anche l’adeguata informazione ai potenziali turisti.

Nel frattempo l’aeroporto si prepara a ricevere i potenziali turisti con l’obiettivo che in un’ora e mezza dall’arrivo al controllo per l’uscita per dirigersi verso l’hotel della quarantena.In questo periodo di attesa è previsto il tempo per fare un test molecolare che è obbligatorio per tutti i passeggeri in arrivo. Nel frattempo fanno le prove di simulazione.

Come anche, fino alla fine di ottobre non ci sono prenotazioni di turisti stranieri, cosa che però non scoraggia le previsioni e le aspettative.

Ci si aspetta che la modifica delle regole di quarantena e la sua riduzione a cinque giorni rivitalizzerà il settore turistico alberghiero.

“Non vediamo alcuna prenotazione e credo che il problema sia la nostra politica di quarantena, quando altri paesi come Thailandia, Sri Lanka, Dubai e Maldive sono aperte senza quarantena”

Secondo altri, i cinque giorni di quarantena sono ancora un ostacolo perché il mercato asiatico porta viaggiatori che restano per un limitato numero di giorni, meno di una settimana a Bali.

Per altri viaggiatori 5 giorni di quarantena significano comunque spendere altri soldi in più.

JG Photo/Yudha Baskoro

In uno sforzo di favorire l’arrivo dei turisti e dei viaggiatori stranieri e non solo a Bali e isole Riau, il ministero della giustizia lancia la richiesta del visto elettronico da presentare a visa-online.imigrasi.go.id che all’atto dell’emissione del visto invierà una email, secondo quanto detto dal ministro Yasonna Laoly.

L’Indonesia con questa riforma burocratica vuol dire al mondo intero di essere pronta non solo all’arrivo di turisti stranieri ma anche al tanto necessario investimento estero diretto che è tanto vitale per l’economia dell’arcipelago perché crea posti di lavoro.

Questa riforma è stata salutata positivamente anche dalla ministra degli esteri Retno Marsudi e dal ministro dell’economia, Wishnutama.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ottimizzato da Optimole