BIRMANIA: Aung San Suu Kyi fa il suo primo viaggio politico

Listen to this article

Aung Sa Suu Kyi, icona della democrazia birmana, ha fatto il suo primo viaggio politico fuori di Rangoon, la vecchia capitale birmana, da quando è stata rilasciata dagli arresti domiciliari nel novembre scorso recandosi a Bago ad 80 chilometri da Rangoon, con centinaia di persone che l’hanno seguita sul ciglio della strada per tutto il percorso fino a bago.
Dal canto suo le autorità birmane hanno avvertito che un tale viaggio potrebbe favorire delle agitazioni e che il convoglio sarebbe stato seguiti da agenti della sicurezza. Un avvertimento alla Suu Kyi per dire di stare attenta che c’è sempre la possibilità che si ripeta quello che è già successo anni fa e che hanno poi comportato gli arresti domiciliari per vari anni?
La Suu Kyi ha viaggiato in un convoglio di 3 auto seguite da altre macchine con reporter e giornalisti.
Sulla via per Bago si è fermata a Tha Nat Pin dove ha inaugurato una libreria e dove ha parlato ad una folla di 600 persone.
“Possiamo sviluppare questa nazione solo quando tutti quanti lavoriamo uniti. L’unità è la nostra forza e diessa c’è bisogno ovunque specie nella nostra nazione. Spero di poter cntinuare a fare il mio lavoro quanto più possibile.”
Fu in una occasione simile che nel 2003 il suo convoglio fu attaccato da un gruppo legato al vecchio governo militare, risultando in alcune persone uccise e in un arresto domiciliare durato 7 anni.
Sarà cambiato qualcosa dal quel 2003 fatidico, dopo le elezioni ed un governo in apparenza civile che sta provando a “dialogare” dando vita a due ncontri tra la Suu Kyi e un rappresentante del governo? Lo scorso mese la Suu Kyi si è recata privatamente alla città di Pagan e quindi questa prima uscita è forse anche un modo per testare i limiti di questa sua “libertà”. Come ha dichiarato Win Htein del NLD, “metterà alla prova la rezione delle autorità e la risposta della gente.”. Di qualche giorno fa è anche il secondo incontro tra il ministro del welfare e la Suu Kyi, alla fine del quale i due hanno reinforzato la volontà di lavorare insieme e cooperare per lo sviluppo della Birmania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ottimizzato da Optimole