BIRMANIA: Fondo pensione norvegese e imprese in Birmania

Listen to this article

Nel 1990, il governo norvegese ha creato il Fondo pensione norvegese denominato Petroleum Fund, in seguito ribattezzato Pension Fund-Global (il Fondo), come un deposito del  popolo norvegese che sarebbe stato investito sui mercati globali finanziari.

Nel 2002, il governo ha nominato una commissione per esaminare l’etica degli investimenti del Fondo. Tale commissione ha portato alla creazione delle Linee Guida Etiche (Linee Guida), ovvero un insieme di regole per determinare se la presenza del Fondo in varie azienda soddisfa determinati standard etico.

Nel 2004, il Consiglio Norvegese per l’etica (il Consiglio) fu formato come organismo indipendente per valutare se gli investimenti del Fondo erano in linea con le Linee guida. Nel considerare il rispetto delle linee guida, il Consiglio determina innanzi tutto se vi sia una connessione tra le operazioni della azienda e le violazioni dei diritti umani, ambientali, o altri standard etici.

Se esiste il necessario collegamento e se il Consiglio ritiene che vi sia un rischio inaccettabile che le operazioni della azienda – e quindi anche del Fondo – contribuiscono o contribuiranno alla violazione dei diritti umani futuri il Consiglio può raccomandare che il Ministero delle Finanze norvegese possa escludere la azienda dal Fondo o metterlo sotto osservazione.

Sulla base di  tale raccomandazione, il Ministero delle Finanze ha l’autorità di avvalersi di almeno tre opzioni: escludere la azienda dal  Fondo, metterla sotto osservazione, o raccomandare alla una azione attiva da parte della azienda, attraverso la Norges Bank Investment Management (NBIM), che è una sezione  della Banca centrale Norvegese.

Norges Bank Investment Management gestisce il Fondo, sotto la supervisione del Ministero delle Finanze. Il Consiglio di etica gestisce il fondo pensione. Gli investimenti del Fondo in aziende operanti in Birmania è stato un settore di particolare attenzione per il Consiglio e il ministero delle Finanze norvegese.

Nel 2005 in risposta ad una richiesta da parte del Ministero delle Finanze, il Consiglio ha pubblicato la sua raccomandazione contro l’esclusione della azienda energetica francese Total dal Fondo per complicità  nella violazione dei diritti umani nel  progetto Yadana nel sud della Birmania.

Nel 2007, sempre su richiesta del ministero delle Finanze, il Consiglio ha esaminato se gli investimenti in Birmania di  per se costituiscono motivo di esclusione dal Fondo. Nel complesso  le valutazioni  del Consiglio definiscono gli standard dei progetti nel settore energetico in Birmania. Questo rapporto analizza se il Fondo di investimenti presente in 15 aziende coinvolte in nel settore del petrolio e del gas in Birmania sono in linea con gli orientamenti etici e il Consiglio per gli standard di investimento, e se le imprese dovrebbero essere sottoposte alle raccomandazioni del Consiglio per essere messe sotto osservazione o essere escluse dal Fondo.

Questo rapporto fornisce prove che collegano le compagnie petrolifere: Total SA (Francia), Chevron Corporation (USA), PTT Exploration e l’ Azienda di produzione (PTTEP) (Thailandia), l’ Authority of Thailand  per il petrolio (PTT), e JX Holdings Inc. (ex Nippon Oil Corp.) (Giappone) con gravi violazioni di diritti umani nel funzionamento e la manutenzione dei gasdotti Yadana e Yetagun in Birmania.

Il Fondo ha un investito un totale di  3,7 miliardi dollari in queste aziende. Questo rapporto rivela anche che il fondo norvegese ha investito in totale 457 milioni di dollari in aziende che partecipano al  controverso progetto di gasdotto Shwe. Questo rapporto collega queste aziende alle attuali violazioni dei diritti umani e ad una probabilità irragionevolmente elevata di futuri abusi associati a tali i progetti.

Gli abusi ad oggi documentati riguardano le violazioni dei diritti di proprietà attraverso la confisca non compensata delle terre, e le violazioni dei diritti civili e politici attraverso il regime militare, la persecuzione delle popolazioni locali sospettati di opporsi al progetto.

Come mostra questo rapporto, l’esercito birmano (Tatmadaw) ha commesso questi abusi in nome degli  interessi e degli  investimenti dell’azienda Oltre impatti diretti dei diritti umani, il gasdotto di Shwe e i gasdotti di trasporto del petrolio sembrano esacerbare le  tensioni etniche al confine della Birmania, in particolare in i territori etnicamente diversificati dello Stato Shan. Inoltre, oltre al consorzio del gasdotto di Shwe e molti altri, le aziende del Fondo sono impegnate nel settore delle infrastrutture a terra, attività che il Consiglio ha stabilito pongono un rischio troppo elevato violazione dei diritti umani.  

Il Consiglio ha dichiarato che la costruzione di infrastrutture onshore nel paese sono  alla base di per sé e per sé per l’esclusione dal Fondo. In una lettera al ministero delle Finanze norvegese nel 2007, il Consiglio ha dichiarato che i progetti di una azienda per costruzione infrastrutture a terra per petrolio e gas in Birmania sarebbero un motivo sufficiente di esclusione dal Fondo, a causa del rischio significativo di  abusi dei diritti umani.

Questo rapporto documenta come le aziende coinvolte nella costruzione del   gasdotto di Shwe e dei progetti di trasporto del petrolio hanno già intrapreso la costruzione di infrastrutture offshore e hanno iniziato le attività di costruzione onshore – tutti progetti con impatti negativi sui diritti umani.

Altre azienda elencate in questo rapporto coinvolte nella costruzione di infrastrutture del gas in Birmania comprendono PTTEP (Thailandia), China National Offshore Oil Company Ltd. (CNOOC) (Cina), e olio di Essar Ltd. (India). Un’altra azienda che crea particolare preoccupazione per il suo comportamento  etico  in Birmania è Transocean Ltd. (Svizzera), l’ azienda di perforazione offshore per il progetto di Shwe ed altri progetti di gas naturale in Birmania.

Il rapporto valuta anche l’etica degli investimenti nel settore petrolifero e del gas che generano ricavi per sostenere  un regime fortemente repressivo, come quello in Birmania. Rapportate ad altre imprese di altri settori, monte delle imprese petrolifere e del gas forniscono enormi profitti alla giunta militare.

Tratto da Birmania Democratica, ove è possibile scaricare il pdf originario

Taggato su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ottimizzato da Optimole