Den Kamlaea, scomparso un altro militante dei diritti

Listen to this article

Un capo comunità ed attivista dei diritti della terra di un villaggio sotto attacco nella provincia di Chayapun del nordest thailandese è scomparso da cinque giorni.

Gli abitanti dei villaggi e i rappresentanti del Santuario Naturale del Parco di Phu Kiaw a Tung Luilay, Khon San di Chyapun, si sono messi alla ricerca mercoledì 20 aprile 2016 di Den Kamlaea della comunità do Khok Yao e militante dei diritti della terra. Lo afferma Esaan Land Reform News.

dean kamlaeaSecondo la moglie di Den, Suphab Kamlaea, il marito manca da casa dal 16 aprile dopo che era andato alla ricerca di radici di germogli di bambù insieme a due cani che poi sono tornati a casa senza il marito.

La donna ha sporto denuncia alla IV unità dei rangers della foresta chiedendo loro assistenza nella ricerca del marito e ricevendo, però, una risposta negativa perché non erano responsabili dell’area dove sarebbe sparito Den Kamlaea.

L’area sarebbe sotto la responsabilità dei rappresentanti del parco naturale di Phu Kiaw.

La donna però ha fatto notare che i rangers della IV unità si erano presentati varie volte insieme a soldati e a rappresentanti del parco presso la comunità Khok Yao per intimarli di lasciare l’area.

Dopo l’ordine 64 del 2014 emesso a giugno 2014 dalla giunta NCPO, la comunità di Khok Yao aveva subito varie minacce di sfratto. Ad agosto del 2014 gli abitanti furono informati che, nel giro di 15 giorni, se ne dovevano andare e che le case e le piantagioni sarebbero state distrutte.

L’ordine di sfratto fu bloccato insieme al Movimento Popolare per una Società Giusta, P-Move che invitò il governo a bloccare la misura. Finora però non si è raggiunto nessun risultato certo.

Gli abitanti della comunità, tra i quali Den, sono stati accusati di essere entrati illegalmente nella foresta protetta di Phusab Pak Nam. Il caso è giunto fino alla corte suprema di cui si attende una sentenza.

Den Kamlaea è uno dei tanti militanti di base dei diritti scomparsi in Thailandia che da anni provano ad opporsi ai mega progetti di sviluppo, sfruttando terre marginali già degradate dove poter sopravvivere. Di fatto costituiscono un ostacolo alle mire delle grandi imprese che si vogliono appropriare delle risorse naturali. Contro di loro il regime militare del NCPO ha immediatamente spiegato loro in cosa consiste la felicità thai e la riconciliazione nazionale.

http://prachatai.org/english/node/6062

Taggato su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ottimizzato da Optimole