Dimenticare le atrocità al tempo di Prabowo a Dili

Listen to this article

Dimenticare le atrocità commesse a Timor Est al tempo di Prabowo, capo delle forze speciali, e guardare avanti nelle relazioni con il grande vicino

Nel museo della memoria di Timor Est a Dili, Hugo Fernandes esamina la mostra che ricorda la resistenza e l’oppressione durante l’occupazione indonesiana durante il periodo delle atrocità al tempo di Prabowo Subianto a Dili, ora presidente eletto indonesiano.

Fernandes dirige il museo Centro Nacional Chega!, una delle vecchie prigioni di Dili risalenti al periodo coloniale portoghese di Timor Est. Adornano i muri le foto sbiadite dei combattenti della libertà timoresi e dei messaggi lasciati sulle pareti dai prigionieri che languirono durante i 24 anni di brutale governo indonesiano.

dimenticare le atrocità

Nonostante le lunghe ombre della storia, l’ascesa irresistibile al potere di Prabowo, ex comandante delle forze speciali che e vincitore alle elezioni generali, è stata salutata dal decoro diplomatico di questa piccola nazione di 1 milione e mezzo di abitanti.

“Ciò che ha fatto di specifico Prabowo resta poco chiaro per le informazioni scarse. Continuano le accuse di violazioni di diritti umani ma è difficile ottenere prove concrete e verifiche” dice Fernandes a Benarnews.

“Chega!” significa “Basta!” in portoghese ed è il testamento degli sforzi di Timor Est per attraversare il percorso delicato tra il mantenimento del ricordo del suo passato oscuro e la promozione della riconciliazione con il grande vicino.

“Ci sono voci differenti nel paese. Alcuni chiedono le risposte sulle passate atrocità, mentre altri sottolinea l’importanza di andare avanti insieme all’Indonesia” dice Fernandes.

Nel 1999 Timor Est votò a larghissima maggioranza per uscire dal giogo indonesiano con un referendum sponsorizzato dall’ONU. Le milizie armate favorevoli all’Indonesia intrapresero una diffusa e sanguinosa repressione prima e dopo il voto, ma Timor Est ottenne l’indipendenza formale nel 2002 dopo un periodo di amministrazione ONU.

L’occupazione indonesiana che seguì all’invasione di Timor Est a dicembre 1975 fu segnata dalla carestia e dal conflitto e il numero di morti attribuiti a quell’era varia dai 90mila ai 200mila secondo la Commissione per la Ricezione, la verità e la riconciliazione a Timor Est.

La cifra contiene anche quasi 20mila casi di morti violente o scomparse. La commissione indicò che le forze indonesiane furono responsabili del 70% di questi casi violenti quando la popolazione del paese era circa 900mila persone nel 1999.

Secondo il Programma di studi del Genocidio presso la Yale University “scomparvero fino ad un quinto della popolazione di Timor Est durante i 24 anni di occupazione indonesiana … con proporzioni simili ai cambogiani uccisi sotto il regime di Pol Pot tra il 1975 e 1979.”

Dal 1999 la relazione tra Timor Est e Indonesia è cambiata mentre Giacarta riconosce l’ex provincia come “un fratello stretto” e sostiene la scommessa di Dili ad entrare nell’ASEAN.

Il presidente timorese José Ramos Horta ha salutato la vittoria elettorale di Prabowo esprimendo la prontezza a collaborare con il prossimo capo di stato indonesiano dicendo a BenarNews di essere “molto soddisfatto” della vittoria di Prabowo.

Da giovane, Ramos-Horta, oggi 74enne, è stato fondatore e leader del Fretilin, il movimento di resistenza armata che ha combattuto per liberare Timor Est dai portoghesi prima e dagli indonesiani poi.

Ha detto di aver chiamato personalmente Prabowo, ora ministro della Difesa indonesiano, per congratularsi con lui e che l’ex generale aveva in programma di visitare Timor Est prima del suo insediamento, il 20 ottobre.

Anche il Primo Ministro Xanana Gusmão, un ex leader della guerriglia che ha trascorso anni in una prigione indonesiana, si è detto soddisfatto della notizia, ha dichiarato Ramos-Horta.

“Il Presidente eletto Prabowo contribuirà molto, prima di tutto all’Indonesia, continuando a garantire stabilità e prosperità in Indonesia, e poi nella regione, oltre a rafforzare le relazioni con Timor Est”, ha detto, aggiungendo che Prabowo ha “molti amici” nel suo Paese, tra cui suo fratello, Arsenio.

Alla domanda sulla situazione dei diritti umani di Prabowo a Timor Est, Ramos-Horta ha risposto: “È passato. Sono già passati quasi tre decenni e non pensiamo al passato”.

Prabowo fu una figura chiave nelle operazioni militari contro la resistenza di Timor Est.

L’Alleanza Nazionale per il Tribunale Internazionale di Timor Est (ANTI), una coalizione di organizzazioni della società civile, sopravvissuti e famiglie delle vittime, ha affermato che i rapporti hanno coinvolto Prabowo in un massacro del 1983 a Kraras.

Secondo alcune stime, vi furono uccise 200 persone, facendo guadagnare alla zona il soprannome di “città delle vedove”.

In una dichiarazione rilasciata a novembre, l’Alleanza ha affermato che, in qualità di capo del comando delle forze speciali dell’esercito indonesiano, Prabowo ha diretto azioni che hanno portato a gravi violazioni dei diritti umani e crimini, tra cui la creazione di milizie filo-indonesiane accusate di violenze post-referendum nel 1999.

Inoltre, Prabowo è collegato a un massacro avvenuto nel 1991 presso il cimitero di Santa Cruz a Dili, dove furono uccisi circa 250 manifestanti pacifici, secondo l’Alleanza.

Nel 1998, Prabowo è stato congedato dall’esercito dopo che un consiglio di ufficiali d’onore lo ha giudicato colpevole di diverse violazioni, tra cui il coinvolgimento nel rapimento e nella scomparsa di attivisti pro-democrazia durante le proteste studentesche del 1998 che hanno portato alla caduta del dittatore indonesiano Suharto.

Prabowo, 72 anni, ha negato di aver commesso qualsiasi illecito e ha affermato di aver solo eseguito gli ordini dei suoi superiori. Non è mai stato processato da un tribunale civile per i presunti crimini.

Il team della campagna presidenziale di Prabowo ha affermato che i testimoni, comprese le figure religiose di Timor Est, hanno negato il suo legame con le uccisioni di Krakas.

Per tanti timoresi i ricordi dell’occupazione indonesiana sono difficili da cancellare.

Naldo Rei, un ex guerrigliere bambino imprigionato ripetutamente in quel periodo dice di non riuscire a mettere da parte la storia di Prabowo sui diritti umani.

“Sebbene non voglia intromettermi nelle questioni interne dell’Indonesia, quando si tratta di diritti umani, Prabowo ha un curriculum davvero penoso”, ha dichiarato Rei a BenarNews, con un atteggiamento dolce e gentile che nasconde i suoi anni di resistenza.

Rei ha trascorso la sua giovinezza sfuggendo alla cattura nella giungla di Los Palos dopo la perdita di sei membri della sua famiglia, tra cui suo padre, a causa delle azioni militari indonesiane.

All’inizio degli anni ’90 ha cercato rifugio prima a Giacarta, poi in Australia, prima di tornare nella Timor Est indipendente.

Rei, autore di “Resistance”, un libro di memorie che racconta la sua esperienza, esprime preoccupazione per la traiettoria della democrazia indonesiana.

“La vittoria di Prabowo, dal mio punto di vista, spreca la democrazia per cui il popolo ha combattuto”, ha detto. “Quante vite sono state perse? Lui e altri generali hanno le mani sporche di sangue”.

Januario Soares, studente di medicina al secondo anno dell’Università Nazionale di Timor Lorosae, rappresenta un sentimento crescente che si concentra sul futuro.

“L’Indonesia ha scelto il suo leader. Dobbiamo concentrarci sul futuro”, ha detto Soares seduto all’ombra di un albero di mogano fuori dal suo campus a Dili. Per lui è fondamentale rafforzare le relazioni tra i due Paesi.

“La guerra civile ci ha lasciati divisi e in quella divisione abbiamo inavvertitamente aperto le porte all’Indonesia”, ha detto Soares. “Quello che è seguito è stato un periodo di violenza contro il nostro popolo, una cicatrice nella nostra storia”.

Tuttavia, quando si tratta del ruolo di Prabowo in quella storia, Soares ha ammesso di non sapere molto.

“Il popolo indonesiano ha fatto la sua scelta. Forse Prabowo è il migliore tra i concorrenti, per questo lo hanno scelto”, ha detto.

Soares ha detto di aver optato per un approccio pragmatico nei confronti del passato, concentrandosi sul miglioramento della qualità della vita e sulla ricerca di benefici per il presente e il futuro.

“Le persone cambiano nel tempo e credo che anche Prabowo sia cambiato”.

Damien Kingsbury, un esperto politico specializzato in Timor Est, ha detto che i leader timoresi sono obbligati a mantenere una posizione diplomatica delicata a causa della dipendenza della piccola nazione dall’Indonesia per le importazioni e delle sue aspirazioni di entrare a far parte dell’ASEAN, il blocco del Sud-Est asiatico. L’Indonesia è uno dei membri fondatori dell’ASEAN.

“Naturalmente Ramos-Horta deve essere diplomatico”, ha dichiarato Kingsbury, professore alla Deakin University in Australia, che ha scritto molto su Timor Est e l’Indonesia.

“È il presidente di un piccolo Paese che ha una storia infelice con l’Indonesia e non vuole creare alcun problema”, ha dichiarato a BenarNews.

Kingsbury ha sottolineato che mentre Ramos-Horta, premio Nobel e diplomatico di spicco, conosce bene il linguaggio della diplomazia, esiste un divario generazionale nella consapevolezza del passato tumultuoso della nazione.

“I più giovani possono non essere consapevoli degli eventi di 20, 30 e 40 anni fa, ma questo non significa che non siano accaduti”, ha affermato.

“Deve lasciare l’amaro in bocca a molti il fatto che i leader di Timor Est debbano essere gentili con Prabowo”.

Ahmad Syamsudin, BenarNews

Taggato su:
Ottimizzato da Optimole