Donne bellissime con cervello e il generale Filippino Parlade

Listen to this article

Vari settori della società filippina hanno attaccato il generale dell’esercito filippino Antonio Parlade in conseguenza di alcune sue affermazioni contro alcune donne bellissime che hanno mostrato il coraggio di esprimersi su questioni delle donne come l’ingiustizia.

Il generale Parlade che comanda nell’area di Luzon Meridionale dell’esercito filippino ed è un anticomunista acceso, ha attratto l’attenzione su di sé quando ha fatto una minaccia velata alla giovane attrice Liza Soberano.

Poi l’ha praticamente individuata come comunista insieme a Catriona Gray, Miss Universo del 2018 e all’attrice televisiva Angel Locsin.

donne bellissime
https://filipinotimes.net

Parlade sta esagerando con la sua campagna anticomunista. Se questo è il modo in cui ufficiali militari di alto grado come Parlade intendono buttare al vento miliardi di peso in fondi per l’intelligence, il parlamento dovrebbe tagliare questo ramo della finanza nazionale e sistemare quella quota su bisogni più urgenti come l’assistenza ai contadini oppure alle borse di studio degli studenti poveri.

Parlade ha scelto di portare la guerra all’insorgenza sui media sociali prendendo di mira delle celebrità che sono di gran lunga più rispettate e credibili di tanti soldati dal cervello piccolo che pare abbiano abdicato al loro dovere di proteggere la gente.

In un suo post di Facebook, il generale ha detto che Soberato ha bisogno di essere istruita sulla vera agenda dei gruppi militanti come Gabriela, e che ha ancora tempo per “abdicare” dal gruppo. Altrimenti la conseguenza è che rischierebbe di subire lo stesso destino della giovane studentessa filippina Josephine Anne Lapira che morì nel 2017 durante un presunto scontro a fuoco tra ribelli comunisti e militari a Batangas.

Queste dichiarazioni del generale sono giunte dopo la partecipazione dell’attrice Soberano ad un webinar delle giovani di Gabriela “Mga Tinig ni Nene: Riprendersi la voce nella giornata internazionale delle Bambine”.

L’attrice americana-filippina è persino crollata a piangere mentre prendeva posizione sulla questione della violenza contro donne e bambine.

Per mantenere forse la sua immagine di macho, il generale rifiuta di scusarsi per le sue affermazioni spingendo qualcuno a dire che era un comportamento non da uomo. Sembra che Parlade non riesca a sopportare donne bellissime con cervello. Non è probabilmente abituato a discutere o vedere donne che dicono quello che pensano di cui non riesce a rispettare le idee.

Nonostante le critiche ricevute sui media principali e sulle piattaforme dei media sociali, Parlade continua a parlare delle celebrità che lui percepisce vicine alla sinistra. Per giustificare le insinuazioni sulle tendenze comuniste di Angel Locsin, continua a ripetere che la sorella dell’attrice, Ella Colmenares, è un membro della guerriglia maoista del PLA, ricevendo il diniego dalla stessa Colmenares che dice di sostenere i diritti delle donne ma non la lotta armata.

Parlade avrebbe bisogno di fare una vacanza, e nel frattempo, gli si dovrebbe far ricordare che le Filippine sono ancora uno stato democratico. Piuttosto che sostenere che Soberano è stata istruita su un programma di gruppi militanti, sarebbe utile al paese se Parlade fosse educato sul rispetto delle donne e delle loro opinioni in un ambiente democratico.

Deve accettare che non tutti i critici del governo sono dei comunisti. Non tutti coloro che condannano l’ingiustizia fatta dai militari sono terroristi. Sostenere i diritti delle donne non è cosa esclusiva dei comunisti e dei terroristi.

L’affermazione di Parlade sulla presenza di Soberano al Webinar delle giovani di Gabriela era a doppio taglio.

Mentre sosteneva che l’attrice non doveva essere presa di mira come comunista perché “non è giusto nei suoi confronti” “perché sosteneva solo i diritti delle donne”, allo stesso tempo minacciava che sarebbe potuta sottostare al destino di Lapira se non si fosse dissociata dal gruppo militante.

Il generale se l’è presa persino con Miss Universo 2018 e l’attrice televisiva e filantropa Angel Locsin. Sia Gray che Locsin sono aperte sostenitrici dei diritti e questioni delle donne. Per il modo in cui Parlade spinge la sua posizione anticomunista, agisce più come un bullo che un generale.

Soberano, Gray e Locsin hanno cuori d’oro e cervello. Per loro, sostenere i diritti e unirsi a gruppi dei diritti non sono attività per fare soldi o per ricavare popolarità, ma fanno parte del servizio e di impegno per la comunità, qualcosa che Parlade dovrebbe anche fare piuttosto che mettere delle etichette su di loro come presunte comuniste.

Ma perché Parlade sta facendo questa battaglia contro queste donne bellissime? Teme che a causa della loro credibilità e seguaci attirerebbero più seguaci dei tanto screditati militari?

E’ stata una bella cosa che sia subentrato il ministro della difesa Delfin Lorenzana per ricordare a Parlade di starsene zitto se non ha prove concrete per definire le tendenze comuniste di personalità popolari con cui si è scontrato ultimamente.

Militari e polizia sono stati così sensibili alle critiche dopo il presunto maltrattamento della prigioniera politica Reina Mae Nasino e di sua figlia che, secondo i gruppi internazionali dei diritti, erano contrarie agli standard internazionale sui prigionieri e i bambini.

Alcuni dicono che Parlade attirava l’attenzione perché aspira a diventare il prossimo capo di stato maggiore dell’esercito filippino. Se è vero, non merita alcuna promozione.

Tita c. Valderama, VERAFILES

Taggato su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ottimizzato da Optimole