FILIPPINE: Le terrazze di riso Ifugao

Listen to this article

Il caso delle Terrifugaoazze coltivate a riso della provincia filippina Ifugao è quello di quando la realtà supera il mito.

I miti della creazione dei Tuwali di Ifugao raccontano che la coltivazione a terrazze nella Cordilleras iniziò in un luogo chiamato Kiyyangan. Come si scopre ora, il luogo esiste e la sua cultura si trovava in uno stato molto più avanzato di quanto finora ritenuto.

Originariamente si era creduto che ci siano voluti migliaia di anni alla popolazione Ifugao per disegnare sulle montagne, con strumenti primitivi e le mani nude, queste monumentali terrazze della Cordilleras.

Comunque nuovi scavi, eseguiti nell’ambito del progetto Ifugao Archeological Project (IAP) in quello che si credeva fosse la culla della civilizzazione Tuwali degli Ifugao, suggeriscono l’esistenza di una cultura più sofisticata di quanto precedentemente immaginato.

Queste indagini sono a sostegno di più nuove teorie che propongono un intervallo di tempo più corto per la costruzione delle terrazze limitato a soli pochi secoli ad indicare delle condizioni sociali e tecnologiche più avanzate.

Durante una conferenza presso il Museo Nazionale delle Filippine, l’archeologo Stephen Acabado ed un gruppo di archeologi della Università delle Filippine e dell’Università di Guam, hanno presentato i dati sugli scavi di una valle di fiume che si credeva una volta essere il vecchio villaggio di Kiyyagan della popolazione Tuwali.

Il gruppo di archeologi scoprì la prova di un villaggio dell’era preispanica Ifugao composta da 180 capanne per un migliaio di persone che si crede sia una popolazione immensa per quei tempi.

Inoltre il vasto campo di artefatti portati alla luce dagli scavi nel 2012 e 2013, tra i quali figurano porcellane, ceramiche, pietre, prodotti in terracotta e di pietra, suggeriscono che la gente del vecchio villaggio Kiyyagan intratteneva attivamente commerci e scambiava beni con gli abitanti delle pianure.

Alcuni dei pezzi trovati sul sito erano pezzi di porcellane, provenienti con ogni probabilità dalla Cina e dal Sudestasiatico continentale, pietre dall’India e dall’Indonesia, ed un dente che probabilmente apparteneva ad un felino.

Il tutto suggerisce una cultura complessa e sofisticata che fioriva molto prima dell’arrivo degli spagnoli, dice Acabado.
Per ora non ci sono prove che suggeriscono la semina del riso presso il sito da 700 a 1000 anni fa, né ci sono prove che i Tuwali fossero quelli che hanno costruito le terrazze.

Secondo Acabado i recenti scavi archeologici e uno studio comprensivo dell’agricoltura nelle comunità della montagna attraverso i secoli puntava ad una sola conclusione: che le terrazze erano state costruite tra il 1565 o 1585 durante la prima conquista spagnola verso la parte settentrionale di Luzon. Le prove secondo Acabado provengono dagli studi del carbonio radioattivo sul suolo sotto le fondamenta delle pareti di pietra di alcune terrazze lungo la riva del fiume e interne a Banaue nella provincia Ifugao.

Questi dati sembrano validare le teorie degli anni 60 e 70 secondo cui la gente che costruì le terrazze erano abitanti lungo il fiume Magat che migrarono verso le montagne per evitare gli spagnoli che colonizzavano la zona.

Questi suggeriscono che le popolazioni delle terrazze all’inizio coltivavano il taro prima di dare inizio alla coltivazione del riso da parte di abitanti delle pianure che li seguirono alle montagne ricche di piogge dopo che un cambiamento climatico nella Cagayan Valley fu invasa dalla siccità.

Current findings would not be an easy truth to swallow, Acabado said, given their impact on politics, culture and commerce.
Nei prossimi tre mesi saranno analizzati altri dati e saranno fatti in seguito altri scavi.

Il progetto IAP è una collaborazione di varie entità, quali Ifugao Terraces Movement, National Museum of Philippines, Archeological Studies Program of University of Philippines di Diliman e l’Università dell’Isola di Guam.

“IAP non si one il problema grande dell’antichità delle terrazze” ha detto l’archeologo Acabado. “Che le terrazze abbiano 3000 o 5000 anni, oppure 300 o 500 non importa davvero. Il progetto si sofferma più su come gli Ifugao abbaino potuto modificare il proprio panorama”.

Ma qual’è il dibattito sulla data di costruzione delle terrazze?

In una sua tesi di dottorato del 2010 Acabado riconosceva che il dibattito sull’età di queste terrazze resta intenso a causa delle implicazioni connesse all’antichità delle terrazze”.

“Il fallimento degli spagnoli nel soggiogare totalmente i gruppi della Cordillera presenta l’idea che gli Igorot sono gli “originali” filippini ed una data posteriore per la costruzione delle terrazze strapperebbe loro e agli altri gruppi della Cordillera questo titolo” scriveva Acabado.

Porre le terrazze in un’era tra 600 e 800 anni significa che questi reperti sono ancora antichi e non sminuiscono la tradizione orale che descrivono gli antichi Ifugao come gli antichi agricoltori, sostiene un parlamentare filippino.

Forse il danno viene fatto più all’industria turistica che propaganda il sito delle terrazze, una meraviglia del mondo, in tutto il mondo come risalenti a duemila anni fa.

Ma l’età delle terrazze non è stato uno dei motivi per cui è diventato un sito patrimonio dell’umanità dell’UNESCO che ha incluso tanti antichi villaggi della zona. Le terrazze furono riconosciute per il “loro panorama culturale organicamente evocato che è stato plasmato dalle tradizioni sacre e dall’ingegnosità della popolazione Ifugao.”

E’ un’opera di alta ingegneria ambientale ed ecologica disegnata da una popolazione che ha ritagliato delle risaie a modo di scala seguendo i contorni della montagna per intrappolare l’acqua che scorreva dalle foreste preservate alla sommità. Inoltre le terrazze intrappolano il suolo ricco di humus che scorrerebbe lungo i pendii. Ogni terrazza forma uno stagno che irriga i raccolti e che mantiene la maggior parte delle pietre della montagna che altrimenti sarebbero costrette a franare nelle condizioni normali.

Il parlamentare Baguilat inoltre punta anche all’aspetto mitologico. “Credo sia importante guardare alla mitologia Ifugao. Il poema epico Ifugao ‘Hudhud’ sembra indicare che la nostra cultura del riso fosse prevalente già in quei tempi antichi.”. Secondo Acabado lo stesso poema epico suggerisce che le terrazze furono fatte all’inizio della colonizzazione spagnola ed in un periodo relativamente breve. Alcuni studiosi hanno visto costruire le terrazze nel giro di qualche anno e questo convaliderebbe la loro relativa età moderna, come il fatto che la prima descrizione del sistema delle terrazze da parte spagnola risalga al 1801.

Inoltre le terrazze sono un elemento comune anche ad altre parti del paese perché una strategia antica di agricoltura per tutto l’arcipelago filippino. Benché nella tradizione Ifugao il riso sia al centro di tutto, dai rituali al rango sociale ed il riso sia parte delle loro interazioni sociali, le analisi isotopiche nei quattro siti parlano di aggregati di almeno 1000 anni o 700 anni e che la coltivazione principale era il taro.

Secondo varie teoria Acabado dice che la coltivazione del riso sia cominciata tra il 1830 e 1851 quando le Cordilleras erano ricche di acqua e la Cagayan Valley aveva problemi di siccità. Da qui la coltivazione del riso a risaia nelle montagne dove poi si è propagato.

La scoperta più interessante è sulla complessità del ciclo del rituale del riso. Le terre alte erano marginali alla produzione perché laboriose e richiedevano molto lavoro. Quindi i villaggi si assicuravano che i cicli del riso fossero sempre garantiti con quantità opportuna di manodopera ed un alto grado di sincronizzazione e cooperazione tra i contadini.

“Un tentativo di eliminare gli animali infestanti di un contadino in un campo sarebbe futile senza il coordinamento con gli altri perché gli infestanti potrebbero semplicemente migrare da un campo all’altro. Se tutti i campi sono allagati o bruciati in coordinamento col resto dei campi, la popolazione degli infestanti poteva essere controllata”.

Ma uno dei drammi attuali è l’emigrazione verso i centri e la mancanza di adeguata manutenzione per le terrazze che rischiano di scomparire dopo secoli di marcata presenza.

http://www.gmanetwork.com/news/story/317752/scitech/science/ancient-ifugao-culture-more-sophisticated-than-previously-thought

For Ifugao rice terraces, age should not matter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ottimizzato da Optimole