FILIPPINE: Alluvione Sendong fa 1000 morti. Qualcuno mette i corpi in discarica

Listen to this article

“Come avete potuto, Sindaco Vicente Emano, tu e chiunque altro possa averlo deciso di buttare i corpi in decomposizione nella vostra discarica? Non sono immondizia!” sono le parole di Carolina Arguillas, una giornalista di Mindanao che di prima mano ha visto come i corpi dei morti in decomposizione del tifone Sendong erano accumulati in una discarica cittadina, mentre le pompe funebri della città respingevano i parenti che portavano i morti per imbalsamarli e tenerli in custodia.

tifone sendong

Questo accade mentre le cifre del disastro peggiore dovuto al clima che ha colpito Mindanao da più di 20 anni continuano a salire con altre centinaia ancora da essere conteggiati.

I funzionari del centro dei disastri lunedì mattina denunciavano 684 morti, la sera altre agenzie parlavano di oltre 700 morti. Martedì mattina sono 954. Mentre la puzza della morte continua a riempire l’aria, i racconti di parenti disperati, che provano a dare ai propri morti un funerale decente ma sono respinti, si fanno sempre più numerosi.

La giornalista che per prima ha denunciato i corpi nella discarica la mattina presto ha pensato che la sua storia avrebbe aiutato a restaurare un minimo di decenza e compassione da parte del Municipio della città di Cagayan che insieme a Iligan ha sopportato il maggior numero di morti.

Si sbagliava, mentre i corpi continuano a crescere fino a sera tardi, perché apparentemente i responsabili avevano deciso di campionare i tessuti per identificare poi i cadaveri.

“Siamo ritornati alla discarica verso le 11,30 di sera e abbiamo scoperto che nuovi corpi appena ritrovati erano gettati lì per farli identificare dai familiari.” scrive la Arquillas.

Il sindaco ormai dice che stanno esaurendo la formalina e bare. I volontari dicevano che pompe funebri e personale che imbalsama erano al lavoro senza sosta e riposo. Ci vogliono 4 ore per imbalsamare un corpo ma loro sono costretti a farlo in due.

Il sindaco Emano è comunque conosciuto meglio perché durante la tempesta sembra giocasse a Mahjong e che i cittadini lo abbiano visto solo quando era chiaro il pericolo del disastro. Ma il sindaco nega le accuse.

“E’ solo il resoconto di un cuore stupido e duro che manca di acume e saggezza.” ha esclamato Tina Junsay una giornalista da Davao con il diffondersi delle notizie della discarica. Stella Estremera del Sun di Davao ha detto che i rappresentanti di Cagayan de Oro non riescono a mostrare neanche un pizzico di compassione per i morti dopo aver appreso di ciò che è accaduto.

Le piogge torrenziali e i venti a raffica hanno buttato giù la maggior parte di Mindanao Settentrionale venerdì sera, cogliendo molte vittime nel sonno. Interi villaggi delle aree pianeggianti a valle, lungo le rive dei fiumi e dei torrenti hanno visto il peggio e sono stati cancellati. Tanti i bambini.

Emano ha detto che non erano stati informati che l’occhio della tempesta avrebbe colpito la loro città, benché le autorità avevano già pronosticato piogge torrenziali. Sendong avrebbe dovuto colpire la costa di Davao orientale nella costa orientale di Mindanao. La tempesta si è spostata a nord e rilasciato le piogge torrenziali attraverso Mindanao prima di dirigersi verso Palawan ed uscire lunedì sera dalla parte occidentale.

Sendong è secondo le autorità atmosferiche filippine tra i 10 tifoni più mortali di recente memoria, uno dei tanti, almeno 21, che ogni anno colpiscono le Filippine che si trovano proprio nella fascia del Pacifico attraversata da tifoni e tempeste tropicali.

 Asiancorrispondent, Edwin Espejo

Taggato su: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ottimizzato da Optimole