Identità indigena Bunong e diritti di proprietà collettivi

Listen to this article

Ploek Phyrom vede la propria identità indigena Bunong riflessa negli alberi, nelle valli e laghetti della comune Sokdom di Mondulkiri.

Ricorda i nomi dei luoghi nella lingua Bunong come una parte della loro area di piantagione chiamata “krom yong” che traduce vagamente lungo la foresta. Ma lei racconta che gran parte della memoria del villaggio di questi luoghi scompare poiché la terra fu presa dalle concessioni economiche di suolo.

“Ora nessuno la chiama così, anche i bambini non lo sanno”.

identità indigena bunong
foto (Meng Kroypunlok)

Forse la sua comunità ricorderà meglio questo nome Bunong della terra se potessero ancora entrarci.

I residenti Bunong del villaggio rurale di Laoka provano ancora a coltivarla, a pregare e vivere sulla terra che dicono di occupare da generazioni, ma due interessi in competizione hanno avanzato reclami in parti della loro terra. Dopo tanti anni in due battaglie legali differenti, oltre 100 famiglie non si arrendono perché per loro la terra è l’ultimo elemento che li lega alla loro identità.

I residenti del villaggio Laoka dicono che riuscirono a registrare una foresta protetta di comunità nel 2014, ma i giornalisti non riuscirono a verificare la designazione ufficiale della foresta. Non sono neanche riusciti ad ottenere i titoli di proprietà della comunità indigena ICLT, un processo che, in teoria, consente ai gruppi indigeni di vivere in comunità senza acquisire titoli fondiari privati, anche se in realtà le comunità raramente riescono a soddisfare le condizioni per presentare domanda.

La decisione di tentare di ottenere il titolo di proprietà è stata presa anche per tenere a bada i pretendenti alla terra, uno dei quali ha ottenuto la terra dal governo nel 2011, mentre l’altro non ha mostrato alle autorità locali il proprio titolo di proprietà. Entrambe le entità hanno intentato cause contro alcuni o tutti i residenti di Laoka, con i residenti condannati per la propria terra. Dopo aver recentemente perso una causa in tribunale, Phyrom ha dichiarato di essere preoccupata per gli altri che cercano di difendere la propria terra.

“Continuiamo a chiedere al governo di aver cura di noi, è normale. Ora pensiamo che ci prendono in giro, ma è un gioco molto pericoloso per noi”.

Portare le foreste in tribunale

Le strade rossastre dalla polvere e le foreste diradate di Laoka e la foresta di comunità vicina sono l’oggetto di due separate dispute legale di anni.

Nel 2011 il governo ha concesso a Villa Development, una società collegata alla moglie di un ex vice governatore di Mondulkiri, un totale di 728 ettari. Sebbene l’azienda non risulti iscritta nel registro delle imprese del Ministero del Commercio, i residenti affermano che la società ha portato i bulldozer sui terreni all’interno dell’area di protezione forestale di Laoka, e accusano di recente i dipendenti dell’azienda di aver avvelenato le loro mucche.

Un’altra azienda Troeurng Yun reclama parte dei terreni coltivati di Laoka diversa dall’area forestata. I residenti dicono di non aver mai visto i presunti diritti di proprietà e di essere oltretutto sorpresi da quanto reclamano.

“E’ solo una persona e vuole 60 o 70 ettari di terra. Noi siamo decine di famiglie” dice Ploek Navy, la sorella di Phyrom. Negli ultimi anni, entrambe le battaglie sono andate a finire in tribunale.

I residenti affermano che il costruttore privato, descritto come un residente del distretto Sen Sok di Phnom Penh, li ha portati in tribunale diverse volte dal 2015, sia presso il tribunale provinciale di Mondulkiri che in appello a Tbong Khmum.

Phyrom e altre persone sono state prese di mira in quanto istigatori contro le attività di Villa Development: nel 2021 lei e altre due persone sono state condannate a due anni di carcere per aver presumibilmente smantellato una recinzione sul terreno dell’azienda. L’anno successivo, il direttore dell’azienda Kak Ratana ha intentato una causa contro Phyrom e altre tre persone per aver presentato una denuncia contro la presunta deforestazione dell’azienda nel Phnom Prich Wildlife Sanctuary.

In risposta, Phyrom ha citato in giudizio l’azienda e quest’anno ha portato il caso davanti alla corte d’appello di Tbong Khmum. Quando ha incontrato i giornalisti il 20 marzo, ha detto di aver appreso quel giorno che la sua contro-causa era stata respinta, quindi intende rivolgersi alla Corte Suprema.

Il suo avvocato, Son Chum Chuon, ha confermato la decisione della corte d’appello e ha aggiunto che intendono portare il caso alla corte superiore. Tuttavia, è preoccupato che il caso sia stato condotto in modo improprio in entrambi i tribunali inferiori dove non sarebbero state seguite le procedure legali.

“Sulla base dei fatti, si tratta di un caso civile, ma il tribunale di Mondulkiri lo ha trasformato in un caso penale”, ha dichiarato. “Come avvocato difensore, abbiamo chiesto alla Corte d’appello di Tbong Khmum di ribaltare il verdetto e trasformare il caso in una causa civile. Quindi, ci dispiace anche che il tribunale di Tbong Khmum abbia confermato il verdetto”.

Il capo della comune di Sokdom, Neth Chhaya, ha detto di non poter commentare la disputa con Villa Development perché i territori in questioni sono al di fuori della giurisdizione della comune, ma ha tentato di risolvere personalmente la questione con l’investitore privata Yun.

“Non sono riuscita a farlo perché Troeurng Yun insiste nel dire che c’è una lettera di occupazione mentre la gente vive lì da tanto tempo. Comunque Troeurng Yun non mi ha mai mostrato quel titolo di proprietà” Chhaya ha detto.

Il tempo trascorso in tribunale e lontano dalle loro foreste e fattorie è frustrante per Neat Lat, residente di 30 anni e pattugliatore volontario della foresta comunitaria di Laoka.

“Portiamo il nostro cibo in tribunale perché non abbiamo soldi per comprare i pasti e non abbiamo soldi per stare nelle pensioni”, ha detto. “E il tribunale dice sempre che siamo colpevoli”.

Navy, che è stata citata insieme alla sorella in entrambe le cause, ha osservato che sta diventando sempre più difficile mantenere le proprie fattorie sotto la pressione ambientale della deforestazione e del cambiamento climatico.

“Mi sento infelice del fatto che dicono che usiamo la violenza, di fatto siamo i difensori volontari della foresta e non ci paga nessuno” dice riferendosi alle paghe date ai difensori di foresta di comunità nel programma formale come i progetti di cattura di carbonio di foresta REDD+.

“Ma per il ministero dell’ambiente loro distribuiscono la terra alle imprese e distruggono le nostre foreste. E’ una vera ingiustizia per noi”.

Cancellare l’ identità indigena Bunong

I residenti di Laoka hanno saputo dalle ONG che la soluzione potrebbe essere in un titolo di proprietà di comunità indigena che delineerebbe e dichiarerebbe ufficialmente il loro territorio.

Iniziarono il processo a metà del secondo decennio del 2000 ma Phyrom, coordinatore degli indigeni Bunong, dice che incontrarono resistenza sia dal capo della comune Sokdom che dal ministero dello sviluppo rurale che presiede alla prima approvazione nel processo ICLT.

“Ora abbiamo capito che la foresta di comunità non appartiene a noi così vogliamo la terra di comunità. Vogliamo registrare l’identità della nostra comunità ma non ci hanno ancora riconosciuto”.

Chhaya, il capo del comune, ha detto che la comunità di Laoka si era rivolta al suo predecessore, ma non a lei, per registrare un titolo di proprietà terriera.

“Non so perché il precedente capo del comune non abbia registrato la terra, ma credo che la comunità non soddisfi tutte le condizioni”, ha detto.

Le comunità indigene di tutto il Paese hanno tentato e ripetutamente fallito nel tentativo di ottenere titoli fondiari comunitari, al punto che le Nazioni Unite hanno ripetutamente chiesto alla Cambogia di semplificare il processo e consentire a un maggior numero di comunità di avere diritto alla propria terra. L’elaborato processo è ulteriormente complicato dall’aumento dei prezzi della terra e dal sistematico processo di registrazione fondiaria del governo, in cui i residenti hanno l’opportunità di convertire la terra che hanno occupato in titoli fondiari registrati a livello nazionale.

Phyrom considera la propria lotta per ottenere la terra comunitaria come un altro insulto al loro patrimonio.

“La cosa peggiore è che non si usano i nostri nomi. I nomi della nostra gente non sono i nomi indigeni, ma sono stati cambiati in nomi khmer come Kantha, Romdoul, Vicheika o Seikha”

Il suo nome reale è Mo Ar Rongom. “Sono imbarazzata per aver cambiato il nome perché per noi i nomi hanno un significato”.

I villaggi e i segnaposto come le montagne hanno perso il loro nome Bunong, sono stati cambiati poiché il ministero ha iniziato a documentare i luoghi nel paese dagli inizi del 2000.

Almeno sul suolo le famiglie Bunong continuano la loro tradizionale agricoltura a rotazione, ma molte famiglie ora optano per case in stile khmer invece delle loro capanne di legno tradizionali.

Alla fine, Phyrom non è sicura che ottenere un titolo di comunità fondiaria indigena possa effettivamente tenere lontani i potenti interessati alla loro terra.

L’unica ragione per cui la comunità di Laoka ha deciso di ottenere un titolo fondiario comunitario è quella di riacquistare un po’ di identità, ha spiegato.

“All’inizio non sapevamo come registrare [un titolo fondiario], ma volevamo solo vivere come prima”, ha spiegato. “Ora vediamo che è il primo passo per ritrovare la nostra identità”.

Ma Phyrom ha spiegato che quel villaggio e territorio che la sua comunità spera di proteggere non esistono più.

Il nome del villaggio di Laoka deriva da una parola Bunong, “Ngavka”, che significa approssimativamente “stagno pieno di pesci”. Il nuovo nome, adottato all’inizio degli anni 2000, non significa nulla per la comunità Bunong.

Una volta c’era uno stagno pieno di pesci, ha aggiunto Phyrom, ma quel segno distintivo è ora all’interno del terreno di Villa Development.

Meng Kroypunlok Danielle Keeton-Olsen, CAMBOJANEWS

Ottimizzato da Optimole