Larve di aragosta incastrano ministro indonesiano

jokowi e ordine nuovo democrazia nel sudestasiatico
83 / 100

In un caso di permesso di esportazione di larve di aragosta,

In un caso di permesso di esportazione di larve di aragosta, ministro indonesiano della pesca Edhy Subianto dalla Commissione Anticorruzione Indonesiana, KPK.

Il ministro era arrivato all’aeroporto di Giacarta da un viaggio di lavoro nelle Hawaii ed è stato preso in custodia insieme alla moglie dagli ispettori della KPK.

Il portavoce della commissione contro la corruzione indonesiana ha detto che “il caso è legato al processo di determinazione dell’esportazione delle larve di aragoste” e che altre 15 persone tra gente del ministero e uomini di affari sono stati arrestati con la confisca di carte di credito e prove di trasferimento di soldi della corruzione.

larve di aragosta incastrano ministro indonesiano

Il presidente della KPK Nawawi Pomolango ha detto che i sospettati avevano accettato dei dono in cambio di permessi di pesca, come orologi Rolex e borse francesi firmate.

Edhy Subianto ha dichiarato alla stampa:

“Mi assumo la responsabilità per quanto accaduto. Mi scuso verso la gente di Indonesia particolarmente con chi lavora nella pesca e nel ministero della pesca. Non scapperò e mi assumerò le responsabilità e darò le mie dimissioni da vicepresidente del Partito e da ministro. Affronterò tutto a cuore aperto”

Secondo la KPK sarebbero stati scambiati 690mila US$ dalle imprese che chiedevano il permesso di esportare verso i presunti colpevoli. Di quei soldi 240 mila US$ sarebbero finiti alla moglie del ministro Rosyati Dewi attraverso un aiutante.

La coppia avrebbe speso 53mila dollari in orologi Rolex e borse Vuitton.

Il ministro Edhy Subianto aveva quest’anno tolto il divieto di esportazioni delle larve di aragosta introdotte dalla ex ministra Susi Pudjiastuti che si rese famosa per aver fatto saltare in aria con la dinamite i pescherecci che erano ritrovati a pescare di frodo nelle acque indonesiane.

Vedi anche  Quindici militanti thailandesi incriminati per sedizione

Il divieto di esportazione secondo la ministra si era reso necessari per proteggere la sostenibilità dell’ecosistema e l’industria dell’aragosta domestica.

A luglio era apparso sul giornale Tempo la notizia di alcuni permessi di esportazione garantiti a imprese legate a politici tra i quali il Gerindra di Edhy Subianto.

25 furono le imprese che ricevettero il permesso di esportazione dopo che il divieto fu tolto a maggio, e secondo Edhy Subianto erano stati assegnati i permessi secondo la procedura senza trattamenti di favore.

La stessa decisione di riprendere l’esportazione delle larve di aragosta era dovuta secondo il ministro per permettere la sopravvivenza di quei pescatori che vivono della raccolta delle larve di aragosta.

“Volevo riaprire le esportazioni perché alcuni della nostra gente soffre la fame per la proibizione” ha detto Edhy Subianto che è il terzo ministro a trovarsi al centro di casi di corruzione.

Il partito di Edhy Subianto, Gerindra, è il secondo partito del parlamento indonesiano ed è guidato da colui che fu il grande rivale di Joko Widodo per due elezioni, l’ex generale Prabowo Subianto, e che ora è diventato il ministro della difesa del governo Joko Widodo.

Lo scorso anno il ministro degli affari sociali Idrus Marham fu condannato a cinque anni di carcere per una mazzetta per un progetto di centrale a carbone, ma la sentenza fu poi tagliata a due anni e a settembre è uscito dal carcere.

A giugno il ministro dello sport e dei giovani della prima presidenza Joko Widodo fu condannato a sette anni per aver accettato mazzette in cambio dell’approvazione del finanziamento del Comitato degli Sport Indonesiani.

Secondo Trasparency International il 92% degli indonesiani credono che il maggior problema del governo sia la corruzione.

Vedi anche  Rielezione di Joko Widodo a Papua tra disillusione e opere di sviluppo

Da parte sua Joko Widodo ha espresso soddisfazione sul modo di lavorare della commissione KPK:

“Credo che KPK lavori in modo trasparente e professionale. Il governo sostiene gli sforzi per prevenire ed eradicare la corruzione”

Il ministro per gli affari politici, legali e di sicurezza Mohammad Mahfud ha aggiunto che il governo non sarebbe intervenuto.

“Il governo non sa di sicuro che reato è stato commesso o sospettato di essere commesso da Edhy Subianto. In ogni caso il governo sostiene quello che fa il KPK. Che la legge faccia il suo corso”

Questi arresti seguono le polemiche dello scorso anno sulla legge di istituzione del KPK che secondo alcuni avrebbe minato l’indipendenza della commissione stessa.

La legge prevede che si crei una agenzia di supervisione col compito di monitorare la condotta della commissione che deve combattere la corruzione. Inoltre la KPK è stata trasformata da corpo indipendente ad agenzia governativa.

Proprio questa legge era stata presa ad esempio come un arretramento democratico sotto la presidenza Jokowi perché toglieva alla KPK alcuni dei suoi poteri.

Un ricercatore della Gadjah Mada University, Zaenur Rohman, ha descritto l’arresto di Edhy Subianto come un passo importante in considerazione anche delle restrizioni poste agli investigatori di arrestare e fare intercettazioni ambientali nei confronti dei sospettati.

“Questo dice che l’indagine è andava avanti per un po’ e questa è il prodotto dell’accumulo di lavoro della KPK”

Riza Chadija, Benarnews