Proposte cinesi e concetto filippino di difesa complessiva

Listen to this article

Filippine iniziano il proprio concetto filippino di difesa complessiva, CADC, che tra le altre cose ordina una maggiore presenza militare sulle isole più settentrionali di Batanes vicino a Taiwan.

Secondo un quotidiano filippino che cita un diplomatico cinese, le Filippine avrebbero trascurato le proposte cinesi sulla gestione delle dispute nel Mare Cinese Meridionale “senza fare nulla”, proposte che secondo la presidenza Marcos riposavano su premesse discutibili.

Al cuore delle dispute in mare degli ultimi mesi è una nave militare filippina, la Sierra Madre, che fu arenata negli anni 2000 sulla barriera di Second Thomas a rafforzare le rivendicazioni filippine sulla propria zona economica esclusiva.

concetto filippino di difesa complessivo contro intrusioni cinesi

Qui le missioni di rifornimento della Guardia Costiera Filippina alla guarnigione militare sulla Sierra Madre trovano la costante interferenza della guardia costiera cinese e di una flottiglia di pescherecci cinesi che vogliono rafforzare le rivendicazioni “storiche” cinesi incarnate nelle varie mappe cinesi sin dal 1948.

Ad essere sotto la pressione delle flottiglie cinesi non sono solo le Filippine, ma anche il Vietnam, il Brunei, la Malesia e l’Indonesia.

Le proposte cinesi citate dal diplomatico cinese permetterebbero il rifornimento della guarnigione con una sola imbarcazione che però non deve rifornire di materiali di costruzione in grande stile, secondo un accordo tra il presidente Duterte e la Cina.

Il presidente Marcos dopo aver definito discutibili alcune proposte cinesi ha detto di non rigettare quelle proposte che derivano dal fatto che “la Cina ha chiarito che il loro territorio segue quello che è descritto come una mappa dalle dieci linee”, che non è riconosciuta non solo dalle Filippine.

Le Filippine propongono il proprio concetto filippino di difesa complessiva

Le Filippine hanno ufficialmente iniziato il proprio concetto filippino di difesa complessiva, CADC, un colpo di avvertimento verso la Cina che tra le altre cose ordina una maggiore presenza militare sulle isole più settentrionali di Batanes vicino a Taiwan.

Gilberto Teodoro, ministro della difesa filippino, ha chiarito che la nuova dottrina strategica trascende le direttive di un particolare presidente e si basa invece su una pianificazione nazionale di applicazione di lungo termine.

Di conseguenza, Teodoro ha invitato tutti i “comandanti e le unità” delle Forze Armate delle Filippine (AFP) “a compiere ogni sforzo per rendere operativa” la nuova dottrina strategica.

Il governo filippino deve ancora pubblicare un libro bianco completo sulla nuova dottrina strategica. Il capo della Difesa ha descritto la CADC, concetto filippino di difesa complessiva, come un tentativo globale di “sviluppare la nostra capacità di proteggere e mettere in sicurezza il nostro intero territorio e la nostra Zona Economica Esclusiva (ZEE), al fine di garantire che il nostro popolo e tutte le generazioni di filippini a venire possano raccogliere e godere liberamente delle risorse naturali che sono giustamente nostre all’interno del nostro dominio”.

La CADC segna in molti modi un ritardato riorientamento dell’attenzione strategica dai confini meridionali del meridione, dove si agitano insorgenze di mezzo secolo, verso le acque e territori fortemente strategici e sempre più tese con l’attenzione crescente posta dalle minacce cinesi.

mappa ufficiale della Cina 2023

Nel riconoscere ciò che implica questa ridefinizione strategica Pechino ha avvisato Manila ad “essere attenta” e a considerare le “sue linee rosse”, vale a dire i piani cinesi di riunificazione con l’isola autogovernata di Taiwan.

Il Pentagono non solo godrà di un maggiore accesso alle varie basi nelle province settentrionali di Cagayan e Isabela ma dovrà sviluppare un porto civile a Batanes che è separato da Taiwan da uno piccolo canale di mare.

Secondo la governatrice di Batanes Marilou Cayco i militari americani arriveranno nella provincia il mese prossimo per discutere la costruzione di un porto di mare profondo che sostituirà il vecchio porto rudimentale sulla parte occidentale dell’Isola.

La Cina crede forse che le strutture costruite dal Pentagono alla fine avranno uno scopo duale tra cui un’infrastruttura critica in una possibile contingenza su Taiwan. Le Filippine affermano che loro badano ai propri interessi nazionali preparandosi ad ogni eventualità sui propri confini settentrionali sempre più vulnerabili.

All’inizio del mese, il leader supremo cinese Xi Jinping ha invitato l’Esercito Popolare di Liberazione a “coordinare i preparativi per i conflitti militari in mare, a proteggere i diritti e gli interessi marittimi del Paese e lo sviluppo dell’economia marittima”.

I commenti di Xi hanno solo rafforzato le preoccupazioni di Manila per una potenziale invasione cinese di Taiwan e per un’escalation delle lotte marittime nel Mar Cinese Meridionale, dove Cina e Filippine hanno relazioni sempre più tese.

Di risposta le Filippine hanno iniziato a trattare il Mare Cinese Meridionale, il Canale di Bashi e lo stretto di Taiwan come un teatro strategico integrato che confina con gran parte delle province settentrionali del paese.

“Sottolineo che questa è un’azione strategica e non necessiterà di costanti direttive per essere portata avanti” ha detto Gilberto Teodoro dopo l’annuncio della nuova strategia nazionale di sicurezza.

Lungi dall’essere una decisione donchisciottesca o sconsideratamente provocatoria della amministrazione di Marcos Figlio, il capo della difesa filippina ha sostenuto che la nuova dottrina strategica è una mossa strategica logica in linea con le realtà strategiche del XXI secolo.

Le Filippine, che hanno una linea di coste più lunga al mondo, ha avuto una strategia di difesa legata alla terra per quasi mezzo secolo a causa delle insorgenze islamica e comunista nell’isola di Mindanao.

Dopo che le Filippine furono designate come secondo fronte nella guerra globale al terrorismo nei primi anni 2000, i militari filippini si focalizzarono sulle attività antiterrorismo che culminarono nella devastante battaglia di Marawi contro il Califfato Islamico del 2017.

La crescente assertività di Pechino nel Mar Cinese Meridionale, isnieme ai crescenti dubbi sull’impegno americano nell’ambito del trattato di mutua difesa tra le due parti, ha costretto le Filippine a modernizzare le proprie forze armate, concentrandosi sempre più sulle capacità navali.

Sul piano geografico le Filippine hanno spostato l’attenzione sui territori settentrionali che confinano con il Mare Cinese Meridionale, Taiwan e il Mare Filippino.

Di conseguenza, le Filippine si sono impegnate in una strategia che prevede sia l’espansione della propria presenza militare che il rafforzamento della cooperazione con gli Stati Uniti nelle province più settentrionali di Cagayan, Isabela e, soprattutto, Batanes.

Questa settimana, oltre 100 residenti delle isole Batanes si sono uniti alle forze di riservisti della Marina filippina come parte di un più ampio sforzo per un “ambiente sicuro e protetto” all’interno e intorno all'”ultima e più settentrionale frontiera” del Paese, secondo il viceammiraglio capo della Marina filippina Toribio Adaci Junior.

Questo fa seguito a miglioramenti e costruzioni senza precedenti nelle basi filippine più settentrionali, tra cui l’isola di Mavulis, che dista appena 100 chilometri dai territori di Taiwan.

Questa settimana, il capo della difesa filippina Teodoro Jr ha visitato anche la provincia settentrionale di Aurora, che si affaccia sul Mar delle Filippine, per ispezionare le strutture recentemente ristrutturate come le Naval Installations and Facilities-Northern Luzon (NIF-NL) a Casiguran.

Secondo quanto riferito, le Filippine sono anche pronte a schierare sull’isola di Basco, a Batanes, i missili supersonici da crociera BrahMos, acquistati di recente dall’India e con una gittata di circa 900 chilometri.

Messa in allarme dalle notizie di navi di ricerca cinesi nel Mare Filippino, la guardia costiera filippina, PCG, ha usato la BRP Gabriela Silang, uno delle navi più moderne, in una missione di due settimane a Batanes e a Philippine Rise, conosciuta già come Benham Rise

“Controlleremo anche le navi di ricerca cinesi nella zona” ha detto il portavoce della PCG che ha sottolineato il bisogno del paese di accrescere la propria “coscienza del dominio marittimo, la propria presenza a Luzon settentrionale e a monitorare e proteggere i pescatori del posto”.

Il presidente Marcos ha descritto la presenza delle navi di ricerca cinese nell’area come “una chiara intrusione” nel territorio marittimo filippino e che questa presenza anche se sotto una presenza di tipo civile è di grande preoccupazione.

La decisione delle Filippine di espandere la cooperazione con il Pentagono nell’area è fonte di grande preoccupazione per la Cina.

Il mese prossimo, i due alleati dovrebbero condurre esercitazioni nei pressi di Batanes nell’ambito delle esercitazioni annuali Balikatan, che l’anno scorso hanno richiamato 12.000 truppe americane oltre a truppe di Paesi osservatori come Australia e Giappone.

Nel frattempo, le forze per le operazioni speciali degli Stati Uniti sono state assegnate in modo permanente alle isole di Kinmen e Penghu, che riflettono il crescente senso di urgenza di Washington per una potenziale guerra con la Cina per l’isola democratica.

Resta da vedere, tuttavia, se le Filippine concederanno alle truppe statunitensi un accesso esteso ed esteso alle preziose basi nel nord delle Filippine, in base all’accordo di cooperazione rafforzata in materia di difesa.

Finora Marcos Jr è stato ambiguo sulla natura precisa della presenza americana nelle basi filippine settentrionali in base all’EDCA, anche se il Pentagono ha apertamente aumentato la sua presenza in diverse basi nelle province di Cagayan e Isabela.

Ma ciò che è chiaro è che Washington probabilmente farà pressione sul suo alleato del Sud-Est asiatico per ottenere il massimo accesso, compresa la possibilità di immagazzinare armi e dispiegare hardware militare sofisticato per scoraggiare e/o prepararsi a una guerra totale con la Cina per Taiwan.

Se Pechino continuerà a fare pressioni sulle Filippine in altri teatri, in particolare nel Mar Cinese Meridionale, Manila potrebbe alla fine allinearsi completamente con Washington sul destino di Taiwan.

Richard Heydarian, Asiatimes

Taggato su:
Ottimizzato da Optimole