A rischio il 60% della forza lavoro cambogiana nella manifattura che cambia

Listen to this article

Le instabilità politiche locali, con il conflitto interno, il cambiamento dei mercati e dell’innovazione teconologica avranno un forte impatto sul futuro dell’indutria della manifattura cambogiana e sul 60% della forza lavoro del paese.

L’incertezza politica in Cambogia costringe l’industria della manifattura cambogiana, confezione e delle scarpe, a guardare verso altri paesi per rispondere alle necessità produttive costringendo oltre 70 imprese a chiudere e una netta caduta degli ordini. Lo ha dichiarato un rappresentante della Associazione della Manifattura e confezione cambogiana, GMAC.

cultura dello sfruttamentoLy Tek Heng del GMAC, parlando alla conferenza stampa della VI Fiera Industriale a Phnom Penh ha disegnato un quadro fosco dei primi mesi dell’anno.

“Credo che la situazione politica ha un impatto sugli affari, sull’industria e sugli investitori. Quando un paese è instabile politicamente è difficile fare investimenti e ci sono preoccupazioni specialmente per chi compra” ha detto. “Le questioni politiche le dimostrazioni illegali e la competizione dagli altri paesi esportatori come noi quali Vietnam, Bangladesh e Myanmar hanno spinto molti investitori lontano dalla Cambogia e hanno reso tanti compratori riluttanti a ordinare in Cambogia”

Nei primi otto mesi dell’anno hanno chiuso 70 industrie e se ne sono aperte solo 20, mentre gli ordini di scarpe e di confezioni sono scesi del 30% costringendo sia a chiudere che a ridurre le ore di lavoro per lavoratore.

Altra conseguenza del declino egli ordini è il declino degli ordinativi delle macchine della confezione, ha detto Akai Lin che ha organizzato la fiera.

“Per alcuni anni scorsi la domanda di macchinari nella manifattura è stata grande ma ora decresce lentamente per la chiusura delle imprese che portano alcuni compratori ad attendere che la situazione politica migliori prima di fare ordini”

Il ministro del commercio, dal canto suo, prova a gettare acqua sul fuoco affermando che la chiusura era legata a fattori globali come le prossime elezioni americane, il referendum nel Regno Unito ed il prezzo dell’elettricità.

La signora Sophary del ministero ha detto: “La Cambogia è piccola e dipende dall’esportazioni della manifattura, e come tale è colpita dalle questioni globali poiché i nostri mercati sono nel Regno Unito e USA che con la loro domanda che cambia forse impattano sulla chiusura qui delle imprese. Le ondate economiche all’estero hanno un impatto qui in Cambogia”

Ha poi detto: “Non è comunque solo un impatto dall’esterno ma anche su base nazionale perché gli investitori cercano profitti con bassi costi operativi. Se i costi operativi degli altri paesi sono minori che in Cambogia possono spostarsi lì. Abbiamo due questioni da tener a bada: costo del lavoro e costo dell’elettricità”

Il ministero ha poi portato cifre differenti da quelle presentate dal GMAC che parla di una cadua del 30% degli ordini.

Secondo il ministero le esportazioni totali del primo trimestre dell’anno del settore hanno visto un 39% di crescita fino a 2 miliardi di dollari. L’Europa era il maggior mercato con quasi 720 milioni di dollari, seguita da USA e Canada.

Nel 2015 le esportazioni totali sono ammontate a 6,3 miliardi di dollari con una crescita del 7.6% rispetto al 2014. Le imprese erano 699 contro le 73 del 2014.

Quello che probabilmente sta accadendo è qualcosa di più complesso che coinvolge un ammodernamento dell’apparato produttivo per competere con prodotti nella fascia più alta del mercato e contrastare la crescita locale del costo del lavoro.

Lo stesso Ly Tek Heng ha detto: “Se produciamo prodotti di basso valore con i costi del lavoro che continuano a crescere, non ce la facciamo a competere. I grandi investitori useranno macchine più moderne che permettono di far vendere i loro prodotti ad un prezzo maggiore. Chi non migliora le proprie macchine per rispondere ai bisogni del mercato si troverà davanti una competizione più forte”

D’altro canto si assiste ad un aumento del costo del lavoro e di impresa in Cina che spinge la manifattura a spostare la propria base produttiva nell’ASEAN, Cambogia compresa, come sostiene Akai Lin secondo cui per compensare l’aumento della paga minima, si è creata una tendenza a comprare macchinari più moderni.

“Tanti nelle grandi imprese di manifattura mostrano l’intenzione di investire più sui macchinari. Hanno bisogno di questi per migliorare la qualità dei loro prodotti e accrescere la produttività”

Secondo lo studio dellILO, Organizzazione del Lavoro Internazionale, 88% dei lavoratori salariati del settore tessile, confezione e scarpe sono a forte rischio di perdita del lavoro per l’innovazione e l’automazione.

“Per alcuni paesi come la Cambogia, dove la produzione tessile confezioni e scarpe domina un settore manifatturiero senza diversificazioni e somma il 60% della forza lavoro cambogiana l’impatto sarà più forte che in altri paesi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ottimizzato da Optimole