Una transizione verde darà speranza per il fiume Mekong?

Listen to this article

La corsa alla ricerca di risorse e di energia ha messo in pericolo il futuro del grande Mekong, ma progetti sostenibili della transizione verde offrono una nuova speranza

Il fiume Mekong nasce nell’altopiano tibetano in Cina e finisce nel mare cinese meridionale dopo aver attraversato oltre 4000 chilometri delle campagne del Myanmar, Thailandia, Laos, Cambogia e Vietnam, ed è una fonte fondamentale per la pesca, per l’agricoltura e il trasporto per circa 65 milioni di persone.

transizione verde nel Mekong

Ma crescono i progetti infrastrutturali che servono a soddisfare la richiesta energetica delle crescenti società della regione. Le conseguenze di questi progetti infrastrutturali sono sentite a valle facendo una enorme pressione sugli ecosistemi fluviali e sul sostentamento delle persone.

La Cambogia inizia a lavorare ad un canale della discordia

La Cambogia ha annunciato giovedì che ad agosto inizierà i lavori del Canale Funan Techo, un progetto dal valore di 1,6 miliardi di euro che collegherà la Capitale Cambogiana Phnom Penh al mare, che ha attivato le preoccupazioni del Vietnam per l’impatto che avrà sulla culla del riso, Delta del Mekong, dove vivono 17,4 milioni di persone.

Chi difende l’ambiente è anche preoccupato di questo canale lungo 180 chilometri che potrà ridurre il flusso dell’acqua nel Mekong che è uno dei fiumi più diversi biologicamente.

La crisi climatica rafforza la questione mentre il ritardo della stagione delle piogge e le ondate di calore aumenta la siccità su queste terre fertili.

La catena globale alimentare sotto pressione

I cicli annuali del Mekong fatti di allagamenti e di siccite sostiene la fondamentale migrazione dei pesci e la biodiversità del fiume che è casa dell’industria della pesca di acqua dolce più grande al mondo che fornisce il 15% delle pesce pescato globalmente.

In certe regioni comunque la pesca è crollata di oltre 87% negli ultimi due decenni.

“E’ un problema molto sfaccettato” dice Coutney Weatherby del programma per SEA del Stimson Center, il cui scopo è trovare soluzioni pragmatiche a questioni transfrontaliere.

“Molte di queste vaste criticità, però, hanno radici nella massiccia corsa alla costruzione di dighe che ha preso piede nella regione negli ultimi decenni”.

Sfruttare la potenza dell’acqua che scorre per generare elettricità è una delle più antiche forme di energia rinnovabile. In particolare nel Sud-est asiatico, le dighe idroelettriche sono diventate una fonte affidabile e pulita di energia e di reddito.

“Si ha questo dilemma quando si considera l’energia idroelettrica come una fonte pulita e necessaria di energia. Allo stesso tempo ha degli impatti ambientali non carboniosi che possono essere profondi” dice Weatherby secondo cui i progetti di dighe idroelettriche cambiano il ritmo naturale del fiume.

Cambiano i livelli dell’acqua, si bloccano i passaggi della migrazione dei pesci e hanno un effetto sull’agricoltura che dipende dalla capacità del sistema fluviale di produrre sedimenti, nutrimenti e acqua attraverso il sistema.

Bilanciare le risorse del Mekong con la domanda energetica

Vista l’esistenza di alternative meno dirompenti esistenti, come l’energia solare ed eolica, alcuni esperti sostengono che anche le infrastrutture idroelettriche possono essere parte della soluzione.

Sono già in corso in Laos e Thailandia la costruzione di vasti parchi eolici e l’installazione di pannelli solari galleggianti sui bacini delle dighe del Mekong.

Questi progetti possono funzionare insieme all’energia idroelettrica, offrendo la possibilità di investimenti futuri per passare lentamente dalle dighe all’energia solare ed eolica.

Secondo Weatherby, l’idea di questi approcci alternativi alla progettazione energetica è di vederli “non come progetti singoli, ma piuttosto come un contributo più ampio al sistema energetico” per un futuro più pulito.

Soluzioni da transizione verde fondate sulla natura

Poiché nel Bacino del Mekong esistono ecosistemi differenti come le zone umide, le pianure alluvionali e le foreste, la Commissione del Fiume Mekong vede grande potenzialità nell’applicare soluzioni fondate sulla natura.

Invece di imbrigliare ancora di più il Mekong con altro cemento e barriere canalizzate, il fiume deve reclamare il proprio corso attraverso la conservazione delle sue risorse naturali.

Le mangrovie e le zone paludose per esempio possono agire da spugna per assorbire l’acqua e ridurre l’impatto delle onde sulle coste.

Il ripristino e la protezione di questi habitat naturali possono contribuire a mitigare le inondazioni, a migliorare la qualità dell’acqua e a potenziare la biodiversità”, ha dichiarato a DW il Segretariato del MRC.

La nuova Risoluzione 120 del Vietnam, dedicata a una transizione verde resiliente, dà speranza. Dimostra che c’è un crescente interesse a livello politico nell’identificare le soluzioni basate sulla natura come alternative fattibili alle infrastrutture più moderne.

L’ascolto della gente del posto

Mentre le persone che vivono lungo il fiume sono le più colpite dai progetti di sviluppo del Mekong, il MRC le considera anche tra le più esperte e le più determinanti nel promuovere soluzioni e approcci alternativi nella regione.

Un potente esempio di come le organizzazioni basate sulle comunità possano parlare a nome del Mekong e spingere le politiche a rispondere alle popolazioni locali è il Chiang Khong Conservation Group (CKCG), nel nord della Thailandia.

Nel 2020, dopo quasi 20 anni di attivismo, il gruppo è riuscito a impedire agli ingegneri cinesi di far esplodere le rapide del fiume lungo il confine tra Thailandia e Laos per consentire alle grandi navi cinesi di navigare più a valle.

È stata la prima volta che il governo thailandese ha bloccato un progetto transfrontaliero a causa del suo potenziale danno ambientale.

“Dobbiamo adottare una mentalità basata sulla conoscenza tradizionale. Questo porterà alla conservazione dell’energia, a una prospettiva di sistema e a una politica ecocentrica piuttosto che ad azioni estrattive e centrate sull’uomo”, ha dichiarato Noparat Lamun del CKCG a DW.

Insieme alla Mekong School affiliata, Lamun e il suo team attingono alle conoscenze locali e scambiano con i ricercatori. La loro comunità, in continua crescita, sta formando gli abitanti del luogo e i giovani ambientalisti su come proteggere al meglio le risorse idriche e stimolare l’impegno dei cittadini nel Mekong e oltre.

“Il fiume non è sano, ma nemmeno morto”, ha detto Weatherby.

“C’è tanta energia non solo nel settore privato, ma anche tra i giovani di questi Paesi che stanno spingendo per un cambiamento, e questo è entusiasmante e promettente”.

Enno Hinz, DW

Una transizione verde darà speranza per il fiume Mekong?

Condividi Listen to this article La corsa alla ricerca di risorse e di energia ha messo in pericolo il futuro del grande Mekong, ma progetti sostenibili della transizione verde offrono una nuova speranza Il fiume Mekong nasce nell’altopiano tibetano in…

Canale Funan Techo per la discordia tra Cambogia e Vietnam

Condividi Listen to this article La Cambogia vuole costruire il canale Funan Techo per tagliare costi di trasporto e legami di dipendenza dal Vietnam con soldi cinesi Dalla propria casa sulle rive del fiume Mekong ad un’ora di strada da…

Riso e gamberetti nel delta Mekong: guadagni e insostenibilità

Condividi Listen to this article La coltivazione a rotazione di riso e gamberetti presenta dei guadagni maggiori a breve termine ma maggiore insostenibilità ambientale Nella regione del delta del Vietnam meridionale, dove il fiume Mekong si immette nel Mare Cinese…

E’ un debito di sabbia a far sprofondare il delta del Mekong

Condividi Listen to this article Il Delta del Mekong sprofonda in un debito di sabbia, ma ora è possibile tracciare un bilancio della sabbia che arriva e che si estrae Il Delta del Mekong sta letteralmente sprofondando in un debito…

Il reale costo della sabbia che le comunità del delta del Mekong pagano

Condividi Listen to this article Qual’è il reale costo della sabbia che le comunità del Delta del Mekong pagano davvero in termini di beni e strutture distrutte dall’erosione causata dal dragaggio della sabbia? Quando sprofondò quattro anni fa un pezzo…

Giornata del Mekong, in onore di un fiume ormai compromesso

Condividi Listen to this article Mentre si celebra a Vientiane la Giornata del Mekong, il destino del grande fiume è totalmente segnato Tra le tante Giornate che la comunità internazionale celebra, una concorrente sembra particolarmente fuori luogo. La Giornata del…

La politica del Vietnam sul delta del Mekong fissa obiettivi ambiziosi

Condividi Listen to this article Nel delta del Mekong, la regione del Vietnam più minacciata dagli effetti destabilizzanti dei cambiamenti climatici, è attualmente in corso un esperimento di ampia portata sull’uso del suolo e dell’acqua. I diversi pareri sul modo…

Vietnam abbraccia una nuova visione del Delta del Mekong

Condividi Listen to this article Gli investimenti vietnamiti nel Delta del Mekong hanno contribuito a trasformare il paese in uno dei principali esportatori di riso e, successivamente, in un colosso della manifattura industriale. Oggi, tuttavia, la politica del “prima il…

Estrazione della sabbia e rischi per i contadini nel Sudestasiatico

Condividi Listen to this article Proponiamo qui la traduzione di un articolo di Skylar Lindsay , Estrazione della sabbia ed i rischi per i contadini del Sudestasiatico, apparso su ASEANToday. L’autore affronta l’impatto ambientale che lo sfruttamento minerario intensivo della…

Mercati galleggianti nel Delta del Mekong estinzione e rinnovamento

Condividi Listen to this article Tra fiumi grandiosi e dense mangrovie, gli attivi mercati galleggianti nel Delta del Mekong vietnamita hanno da sempre dato forma alla ben nota civiltà dell’acqua. Rimangono ancora una dozzina di mercati galleggianti lungo le grandi…
Taggato su:
Ottimizzato da Optimole