Rare scuse di militari indonesiani per torture a Papua

Listen to this article

I militari indonesiani hanno offerto le proprie rare scuse per i casi di tortura accaduti a febbraio scorso a Puncak a Papua Occidentale dopo che un video è diventato virale causando sia la rabbia di molti che una dichiarazione di condanna del palazzo presidenziale.

Nel video indicato si vedono dei militari indonesiani che pr e tendono a calci in faccia e tagliano con una baionetta la pelle di un giovane papuano immerso in un barile di acqua che si faceva sempre più rossa di sangue. Durante la tortura portata avanti da cinque persone direttamente il giovane è stato al centro di epiteti fortemente razzisti.

Rare scuse di militari indonesiani per torture a Papua

Per questo sono 13 i soldati indonesiani detenuti ed altri quaranta indagati per gli abusi.

“Questa azione è illegale e danneggia il buon nome dei militari sconvolgendo gli sforzi di gestire il conflitto a Papua. Mi scuso formalmente con tutta la popolazione papuana sperando che accada più” ha detto il generale Izak Pangemanan, comandante militare a Papua dove da decenni operano sia una ribellione armata separatista che un movimento indipendentistico pacifista.

Il generale Sianturi portavoce dei militari ha confermato che sono 42 i soldati sotto inchiesta dei quali 13 sono coloro che avrebbero partecipato direttamente alla tortura.

Per il generale Nugraha le procedure del TNI assicurano che saranno condannati se sono colpevoli di tortura nei confronti di “membri di un gruppo armato criminale”.

Dopo la comparsa online del video, che ha causato una rabbia molto rara a Giacarta, si era espresso Rumadi Ahmad, vice presidente dell’ufficio della presidenza indonesiana, il quale ha detto che il presidente Joko Widodo si era impegnato ad accelerare lo sviluppo a Papua e che questi casi di tortura se commessi dai militari di sicuro non favorivano questi sforzi.

Rare scuse di militari indonesiani per torture a Papua

“Sebbene abbiamo una forte speranza che i nostri soldati non siano coinvolti in tali atti riprovevoli, se si dimostreranno veri, gli individui responsabili devono rispondere secondo le regole applicabili.”

I torturati sarebbero tre giovani, Defianus Kogoya, Warinus Kogoya e Alianus Mirok, dei quali Warinus poi è morto.

Per il generale Izak Pangemanan, Warinus sarebbe morto durante il trasferimento alla stazione di polizia perché si sarebbe buttato giù dal mezzo con le mani legate. Il generale ha ricordato che a Papua sono presenti 19mila soldati indonesiani e che 26 sono stati uccisi dall’insorgenza papuana.

“Lo abbiamo portato in ospedale ma alla fine è morto” ha detto il generale Izak.

I militari il 3 febbraio avrebbero ricevuto un rapporto da gente del posto in cui si diceva che i tre avevano pianificato di incendiare il centro sanitario a Omukia nella reggenza di Puncak. Perciò i militari avevano deciso di proteggere il centro. I tre avrebbero sparato contro i militari di guardia ma sarebbero stati comunque arrestati. Alianus e Defianus sarebbero stati portati poi al posto militare di Gome dove fu girato il video.

La versione dei militari è fortemente contestata dai gruppi dei diritti e citano molti cittadini del posto che dicono che i tre al momento degli spari erano lontano dal centro sanitario oggetto dell’attacco.

Per i gruppi di diritti il giovane papuano è morto in seguito alle torture subite.

I gruppi dei diritti denunciano che quanto accaduto è la pratica solita dei militari a Papua dove tortura e omicidi extragiudiziali accadono da sempre alimentando un’insorgenza separatista che nasce dalla discriminazione del governo indonesiano contro i papuani.

Negli anni 60 il governo indonesiano portò avanti un plebiscito sostenuto però dall’ONU con cui si annetteva questa provincia ricca di minerali e risorse, plebiscito fortemente contestato perché il voto sarebbe stato manipolato.

La versione dei militari è contestata anche da Amnesty International Indonesia che attraverso il direttore Usman Hamid ha messo in dubbio la versione ufficiale dei militari.

“Se davvero avessero voluto bruciare la clinica quello è un atto criminale che ricade sotto la giurisdizione della polizia non dei militari”

Le famiglie di Defianus e Alianus hanno detto ad AI che i due arrestati si trovavano sul tetto di una casa a lavorare e non sul luogo degli scontri a fuoco.

“Non pianificavano di bruciare la clinica perciò i militari devono smetterla di trarre queste conclusioni tanto veloci quanto inaccurate” ha detto Usman che ha invitato i militari a non inventarsi scuse a favore di chi ha commesso quegli abusi mostrati nel video.

“La tortura da parte di forze di sicurezza, indipendentemente da chi sia la vittima, è un crimine inaccettabile sia in pace che in condizioni di emergenza di guerra”.

Un’indagine parlamentare sulle operazioni di sicurezza in tutta la regione papuana è stata chiesta da Emanuel Gobay del Papua Legal Aid Institute il quale ha chiesto anche l’intervento della Commissione nazionale dei diritti umani Komnas HAM. Ha altresì affermato che questi casi di tortura non debbano essere gestiti dai tribunali militari, ma devono essere giudicati dai tribunali normali.

“Le sanzioni militari non possono sostituire il sistema di giustizia penale civile” ha dichiarato Andi Muhammad Rezaldy della Commissione delle vittime di violenza e persone scomparse, Kontras.

La brutalità di questo video che ha spinto i militari a porgere le loro rare scuse alla popolazione papuana non è cosa nuova né sembra essere molto rara e nascono in un ambiente di vendette e rappresaglie tra insorgenza e forze di sicurezza in particolare nelle aree delle alture centrali come a Yahukimo, Puncak, Paniai e Mulia.

Si ricorda inoltre che da oltre un anno un pilota neozelandese è sotto sequestro di un gruppo dell’insorgenza papuana.

“Negli ultimi cinque anni c’è stata una crescita della violenza che coinvolge l’esercito indonesiano e i ribelli separatisti armati” dice Usman Hamid di Amnesty International il quale dice di aver ricevuto moltissimi video di torture di papuani.

Benny Wenda dei gruppi indipendentisti pacifisti di Papua ha chiesto ancora una volta una visita a Papua da parte di esperti dell’ONU, visita sempre rimandata e contestata da parte del governo indonesiano.

“Per quanto estremo e scioccante, il video espone solo come l’Indonesia si comporta ogni giorno nella mia terra”.

TPNPB una minaccia significativa alla sicurezza per Giacarta

Condividi Listen to this article Cresce di intensità l’insorgenza lunga decenni nelle province papuane e il TPNPB gruppo insorgente armato diventa una minaccia significativa alla sicurezza per Giacarta. Qui presentiamo una seconda intervista al portavoce del gruppo insorgente armato, Sebby…

Storia spesso dimenticata, atto di libera scelta a Papua

Condividi Listen to this article In quel referendum atto di libera scelta la realpolitik americana di realpolitik consegnò Papua Occidentale al regime di Suharto nel 1969 Lo scorso mese sono apparsi i video di 13 soldati indonesiani appartenenti al battaglione…

Rare scuse di militari indonesiani per torture a Papua

Condividi Listen to this article I militari indonesiani hanno offerto le proprie rare scuse per i casi di tortura accaduti a febbraio scorso a Puncak a Papua Occidentale dopo che un video è diventato virale causando sia la rabbia di…

Reggenza di Yahukimo a Papua e due ragazzini torturati

Condividi Listen to this article La reggenza di Yahukimo è ancora il teatro di operazioni di controinsorgenza delle forze di sicurezza indonesiane contro il TPNPB, Esercito di liberazione nazionale della Papua occidentale, dove si è consumata una ennesima storia di…

Un anno dal sequesto di Philip Mehrtens a Papua

Condividi Listen to this article A pochi giorni dalle elezioni presidenziali e dopo un anno dal sequestro di Philip Mehrtens da parte dell’esercito di liberazione nazionale di Papua Occidentale, TPNPB, il portavoce del TPNPB-OPM Terianus Satto ha fatto sapere che…

Torture sul corpo esanime di Wity Unue a Papua occupata

Condividi Listen to this article Wity Unue è un giovane promettente studente di musica di 17 anni di Papua Occidentale il cui corpo torturato e esanime è stato bruciato in una scatola in una radura alla fine di una strada…

Abbandonato in carcere a Wamena sulle alture di Papua

Condividi Listen to this article Il cittadino polacco Jakub Skrzypski si trova in carcere a Wamena per un’accusa senza prove di tradimento per aver cercato di commerciare armi per l’Indipendenza Papuana Chiunque abbia visitato Papua sa che non si riesce…

Marind di Papua occidentale e la palma da olio

Condividi Listen to this article La deforestazione di vaste aree coperte da foreste vergini in tanti stati del Sud Est Asiatico, i fuochi della stagione secca, le emissioni di anidride carbonica e il cambiamento climatico sono i grandi temi alla…

Pilota neozelandese a rischio di vita nella polveriera papuana

Condividi Listen to this article La vita del pilota neozelandese sequestrato nella polveriera papuana a Nduga è a rischio se continueranno le incerte operazioni di rastrellamento del TNI Nel profondo delle terre selvagge coperte dalla nebbia delle alture papuane, un…

Le radici del conflitto papuano che Giacarta non vede

Condividi Listen to this article Le radici del conflitto papuano non sono nuove e si sono accumulate a partire da un referendum molto criticato definito Atto di Libera Scelta nel 1969 con cui Papua divenne parte dell’Indonesia. E’ passato un…
Ottimizzato da Optimole